Cultura e manifestazioni, Entroterra, Home — 26 marzo 2018 alle 12:41

TRIORA. GRANDE SUCCESSO PER LA FESTA DI PRIMAVERA NELLE ALPI LIGURI. PREMIATI I VINCITORI DEL CONCORSO FOTOGRAFICO /I DETTAGLI

L’evento clou della manifestazione che per tre weekend ha previsto concerti musicali, escursioni e visite guidate ai borghi storici del Parco, si è tenuto appunto ieri con la premiazione del Concorso Fotografico “Le Mie Alpi”, riservato ai giovani di età inferiore ai 30 anni

di Redazione
collage_rac

In ordine a destra, dall’alto verso il basso. le tre opere vincitrici: Samuele Varnier, “Strato dopo strato” – Alessandro Cordeglio, “Sentirsi osservati” – Matteo Fagiolino, “Cascate dell’Arroscia”

Si è svolta ieri, domenica 25 marzo, presso la sede del Museo Etnostorico della Stregoneria di Triora (IM), la giornata conclusiva della 1^ edizione della “Festa di Primavera nelle Alpi Liguri”, rassegna di eventi ed iniziative a partecipazione gratuita organizzata dal Parco Naturale Regionale delle Alpi Liguri per valorizzare il territorio dell’area protetta e l’ambito circostante.

L’evento clou della manifestazione che per tre weekend ha previsto concerti musicali, escursioni e visite guidate ai borghi storici del Parco, si è tenuto appunto ieri con la premiazione del Concorso Fotografico “Le Mie Alpi”, riservato ai giovani di età inferiore ai 30 anni.

Presupposto ed obiettivo del concorso è stato quello di stimolare, nella nuova generazione, la sensibilità culturale, la creatività e l’innovazione artistica applicate ai valori naturali e paesaggistici della montagna ligure. L’ambito tematico delle riprese fotografiche ha coinvolto i paesaggi della geologia, della fauna e della flora; ad ogni partecipante è stata ammessa la presentazione di massimo 3 opere fotografiche, distribuite nelle tre diverse categorie.

La Giuria, composta da 5 esperti (Luca Patelli, Enrico Bottino, Andrea Biondo, Gabriele Cristiani e Nanni Villani) ha valutato le 32 immagini ammesse a concorso sulla base della qualità tecnica, dell’originalità, del valore artistico e dell’efficacia comunicativa. I partecipanti avevano un’età compresa fra gli 11 e i 28 anni, residenti nelle province di Imperia o Savona (più una candidata con cittadinanza russa).

Le opere fotografiche sono state esposte in mostra e saranno visibili presso il Museo Etnostorico della Stregoneria di Triora (Palazzo Stella, Piazza Collegiata) sino alla fine di aprile (info: Comune di Triora – Tel. 0184 94049).

Ecco tutti i vincitori:

CATEGORIA GEOLOGIA E PAESAGGI
1° classificato Samuele Varnier con l’opera “Strato dopo strato”
dal 2° al 5° classificato: Alessandro Cordeglio, Moreno Vassallo, Giacomo Pacini, Davide Avena

CATEGORIA FAUNA E PAESAGGI
1° classificato Alessandro Cordeglio con l’opera “Sentirsi osservati”
dal 2° al 5° classificato: Davide Avena, Fabio Barla, Andrea Quartara, Ekaterina Zaborova

CATEGORIA FLORA E PAESAGGI
1° classificato Matteo Fagiolino con l’opera “Cascate dell’Arroscia”
dal 2° al 5° classificato: Valentina Pulinetti, Ekaterina Zaborova, Nicole Cavuoti, Antonella Pastorelli e Scuola “P.F. Ferraironi” Triora

Commenta Enrico Bottino, membro della giuria:“Il concorso fotografico ‘Le mie Alpi’ ha raccontato attraverso forme, luci e colori la natura e le montagne delle Alpi Liguri. L’Ente Parco ha scelto di mostrare la bellezza intrinseca della sua area protetta attraverso gli occhi di giovani fotografi che non hanno conosciuto la vera rivoluzione copernicana segnata dal passaggio dall’analogico al digitale!

Infatti, la fotografia non è più un’attività di élite come vent’anni fa, oggi sono sempre di più le persone che scelgono il linguaggio dell’immagine per raccontare la loro esperienza, la loro escursione, anche attraverso un semplice smartphone.

Ed è dal paesaggio che il più delle volte scaturisce e cresce la passione per la fotografia. Il Parco Alpi Liguri lo sa bene e tutti i fotografi di età inferiore ai trent’anni hanno avuto la possibilità di esibire le loro opere, soprattutto nella categoria “Geologia e paesaggio”, mostrando quelle montagne dell’area protetta regionale che come le note di un pentagramma vanno a riempire il confine tra il cielo e la terra.

Paesaggi plasmati dalla luce sono quelli che ci hanno svelato i giovani candidati. […] La partecipazione ha confermato il buon livello qualitativo degli autori, speriamo che le foto premiate si rivelino uno specchio nel quale riflettersi e uno stimolo per nuove escursioni nella natura del Parco Regionale delle Alpi Liguri. Perché questo paesaggio sembra fatto apposta per essere camminato e fotografato”.