Elezioni comunali 2018, Home — 22 maggio 2018 alle 13:32

ELEZIONI IMPERIA 2018: “INCENTIVI PER CHI INVESTE SU STABILI E AREE ABBANDONATE”, L’ANNUNCIO DEL CANDIDATO SINDACO LUCA LANTERI/FOTO E VIDEO

Risorse comunitarie, pista ciclabile e incentivi ai privati per la rigenerazione urbana delle aree abbandonate e degli stabili fatiscenti. Ecco i temi della conferenza di oggi di Luca Lanteri.

di Redazione

33216310_10214391742041321_6196177575081934848_n

Un assessorato dedicato al reperimento delle risorse comunitarie, la richiesta alla Regione Liguria di completamento della pista ciclabile nel tratto da San Lorenzo al Mare fino al confine con Imperia e dalla vecchia stazione di Oneglia alla Rabina e gli incentivi ai privati per la rigenerazione urbana delle aree abbandonate e degli stabili fatiscenti.

Sono questi i tre temi affrontati questa mattina nel corso di una conferenza stampa indetta dal candidato sindaco del centrodestra Luca Lanteri e del suo vice sindaco in pectore Antonio Parolini.

Luca Lanteri

“In Giunta ci sarà un assessorato specifico e fondi comunitari, ci sarà un assessore che dovrà interessarsi solo ed esclusivamente di questo in modo tale da lavorare con intensità ad una progettualità seria, mirata su tanti aspetti, per portare a casa dei denari. Ci sarà un assessore che lavorerà con tutta una struttura interagendo con gli altri Comuni del comprensorio, della provincia , con la Regione Liguria e con lo Stato centrale per cercare di sfruttare ogni opportunità. Sarà un lavoro lungo e difficile, però ci mettiamo con impegno e lo faremo bene. Per la pista ciclabile avanzeremo immediatamente due richieste, la prima è di finanziarci il tratto che va dal confine tra i due comuni Imperia-San Lorenzo , sino alla stazione e l’altro invece dalla parte di levante , dalla stazione di Oneglia sino alla Rabina, in modo tale da avere subito un tratto finito e funzionale che ci porti sino a Diano Marina.

Questo è importante e ci muoveremo presso la Regione Liguria, non si parla di cifre astronomiche, però non vorremo che con quei 18 milioni che già ci sono da parte del Governo centrale, si realizzasse il tratto di Imperia ma non rimanesse collegato con San Lorenzo da una parte con Diano Marina dall’altra. La rigenerazione urbana sarà un tema importantissimo dei prossimi 5 anni, lo faremo in collaborazione con il privato e quindi stenderemo tappeti d’oro ai privati che vorranno intervenire con due vincoli.

Da una parte delle trattative serie, cristalline e chiare , dove andremo a dire a priori quali sono le funzioni che vorremmo inserire, saranno funzioni turistiche , sociali pensando alle residenze per anziani, funzioni che penseranno alla cultura e allo sport prevalentemente. Dall’altra parte faremo un grosso sforzo per abbassare tutte le tariffe, abbassare gli oneri di organizzazione e abbassare le monetizzazioni. Abbassare i diritti di segreteria, dovremmo fare in modo di dover far spendere il meno possibile al privato. Il privato che vuole investire deve essere agevolato dal Comune e non ostacolato”.

Antonio Parolini

“Per quanto riguarda il tema sugli investimenti, dobbiamo attrarre investitori da fuori. Abbiamo delle aree di assoluto pregio, dal punto di vista commerciale e imprenditoriale, ma il Comune non ha le risorse necessarie. Bisogna fare da agenti immobiliari per attirare investitori che rigenerino queste aree, ovviamente scegliendoli bene, con delle evidenze pubbliche per quanto riguarda le parti pubbliche come il porto e la pista ciclabile.

Non possiamo più permetterci di prendere un’altra fregatura. Quello che ci obbliga a fare la legge è un’opportunità. Le nostre perle sono la Sairo, l’Agnesi, il porto, la pista ciclabile e la cantieristica. In questi giorni uno studio ha detto che è aumentata l’occupazione, anche se si tratta di lavoro precario.

Noi dobbiamo creare l’opportunità di lavoro stabile, è questo il nostro compito della pubblica amministratore. Il porto va riavviato domani mattina. La cantieristica garantirà nuovi posti di lavori. Il porto è la risorsa più importante del Comune di Imperia per coprire la spesa corrente, che ora è a zero. È con la spesa corrente che si realizzano manifestazioni, le manutenzioni, ecc. Se non ci creiamo delle risorse per coprire questa spesa, non possiamo fare niente. La risorsa più importante è quella del porto. Deve diventare un’opportunità enorme per la nostra città”.

I VIDEO DELLA CONFERENZA STAMPA