PORTO DI IMPERIA: TITOLARI POSTI BARCA, TERREMOTO NELL’APPI. SI DIMETTONO LA PRESIDENTE E DUE CONSIGLIERI/ECCO COSA E’ SUCCESSO

Attualità Home

Terremoto nell’Appi, una delle due associazioni di titolari di posto barca del porto di Imperia. La presidente Maria Sorbo,
infatti, unitamente ad altri due membri del direttivo, Lucia Bellone e Giovanni Siccardi, ha rassegnato le proprie dimissioni

dimissioni appi maria sorbo

Terremoto nell’Appi, una delle due associazioni di titolari di posto barca del porto di Imperia. La presidente Maria Sorbo, infatti, unitamente ad altri due membri del direttivo, Lucia Bellone e Giovanni Siccardi, ha rassegnato le proprie dimissioni. Un passo indietro che, considerato lo statuto dell’associazione, porta all’automatica decadenza del direttivo, rimasto in carica con soli due membri (Vincenzo Giardiello e Simona Castore), i cui compiti sono ora limitati all’ordinanza amministrazione.

Le dimissioni per incomprensioni con il legale dell’associazione

Secondo quanto trapelato, la presidente Maria Sorbo avrebbe rassegnato le dimissioni per via di incomprensioni con il legale dell’Appi, l’avvocato Gianpiero Pani. All’origine dei dissapori, vedute differenti in merito alla strategia da adottare per risolvere l’annosa querelle giudiziaria con il Comune di Imperia per quel che concerne il futuro dei posti barca.

Le dimissioni della presidente arrivano dopo pochi mesi dall’istituzione del tavolo convocato dal Sindaco di Imperia Carlo Capacci con l’obiettivo di trovare una soluzione definitiva per appianare tutte le divergenze, giuridiche e non, sul fronte porto turistico, in particolare per avviare un percorso transattivo diretto a definire bonariamente i contenziosi tra le parti, presenti e futuri, sul presupposto del completamento del porto, mediante affidamento in concessione a privati, tramite gara, delle opere a terra e prosecuzione della gestione delle opere a mare da parte del Comune, attraverso una società pubblica.

Intorno a un tavolo il primo cittadino ha riunito le associazioni di titolari di posto barca, Appi e Assoporto, Go Imperia, Imperia Sviluppo (socio al 33% della Porto di Imperia Spa, la cui maggioranza è in mano alla famiglia Carli), Fallimento Porto di Imperia Spa e Fallimento Acquamare (socio al 33% della Porto di Imperia Spa e società del gruppo Acquamarcia di Francesco Bellavista Caltagirone che ha gestito la compravendita dei posti barca).

A breve, secondo quanto trapela, sarebbe previsto un incontro per sottoscrivere un atto di indirizzo, da parte di tutte le parti in causa, per avviare il percorso transattivo. A riguardo, però, la decadenza del direttivo potrebbe creare non pochi grattacapi all’Appi, in attesa della nomina di un nuovo presidente.

Maria Sorbo – “Darò spiegazioni ufficiali nel corso della prossima assemblea dei soci”

Contattata da ImperiaPost, Mario Sorbo ha dichiarato: “Darò le mie motivazioni agli associati nella prossima assemblea, così anche i colleghi Bellone e Siccardi, in modo tale che sia tutto trasparente. Ci saranno spiegazioni ufficiali”.

Nel frattempi i tre dimissionari nelle prossime settimane potrebbero confluire nell’associazione Assoporto.

 

 

 

Segui Imperiapost anche su: