Cultura e manifestazioni, Home — 25 maggio 2018 alle 19:19

IMPERIA: INAUGURATA LA 17ª EDIZIONE DELLA FIERA DEL LIBRO. “UN DOVERE METTERE LA CULTURA AL PRIMO POSTO”/FOTO E VIDEO

Si è tenuta questo pomeriggio, in via Cascione, nel centro storico di Porto Maurizio,
l’inaugurazione della 17ª edizione della Fiera del Libro, Festival della Cultura Mediterranea

di Redazione

fiera-del-libro-imperia-inaugurazione

Si è tenuta questo pomeriggio, in via Cascione, nel centro storico di Porto Maurizio, l’inaugurazione della 17ª edizione della Fiera del Libro, Festival della Cultura Mediterranea. 

Patrocinato da Presidenza del Consiglio dei Ministri, Ministero dei Beni e le Attività Culturali, Città di Imperia, Provincia di Imperia e Camera di Commercio Riviere di Liguria e Regione Liguria, il Festival è organizzato dal Comitato San Maurizio presieduto da Luciangela Aimo, insieme con la commissione scientifica presieduta da Annelise Caverzasi, e si avvale della collaborazione di Giuliano Ferrari e dell’ Associazione Agenda Fotografica per la parte  conoscitiva del territorio e delle tradizioni. La parte espositiva e i rapporti con le Case editrici è curata da Espansione Eventi di Paola Savella.

La mostra mercato del libro è inserita nel piano di rilancio del Centro Storico di Porto Maurizio, alla sua diciassettesima edizione si affaccia direttamente sulle vie del Centro storico con la partecipazione case editrici e un’esposizione di migliaia di libriGrazie al gran numero di visitatori la Fiera del Libro di Imperia si colloca tra le manifestazioni culturali di maggior rilievo a livello nazionale mantenendo attrattiva e vivacità organizzativa.

Gli ospiti per l’edizione 2018

Dario Arkel, Lorenzo Beccati, Michela Vittoria Brambilla, Andrea Camera, Daniele Capezzone, Giancarlo Caselli, Martina Dell’Ombra, Piero Fassino, Raffaella Fenoglio, Giovanni Maria Flick, Cinzia Ghigliano, Mario Giordano, Luca Iaccarino, Max Laudadio, Maria Giovanna Luini, Laura Maragliano, Fabio Mendolicchio, Gianluca Morozzi, Margherita Oggero, Danilo Paparelli, Barbara Ronchi della Rocca, Antonella Tarpino, Marcello Veneziani.

L’intervento di Piero Fassino all’inaugurazione della Fiera del Libro

“Sono qui come autore, in questa fase giro molto per la presentazione di questo libro, quello che mi stupisce è quante iniziative di questo genere ci sono in Italia. Il salone del Libro di Torino, che è il più grande evento editoriale librario italiano aveva, alcuni anni fa quando io ero sindaco, costruito un network, una rete, di tutte le fiere del libro in Italia.

Sono più di 40 le città italiane che ogni anno organizzano iniziative come queste e crescono. Credo che questo sia un fatto straordinariamente positivo. Queste sono grandi occasioni di socializzazione di cultura, di diffusione di cultura , di avvicinamento del cittadino ad uno strumento fondamentale della cultura del pensiero quale è un libro.

Ciascuno di noi è cresciuto con i libri, oggi magari cresce con i libri digitali, ma non è la tecnologia che cambia la forma del libro, è la sostanza che conta. Tutti noi nella nostra vita abbiamo almeno un libro che ha segnato la nostra vita.

Ciascuno di noi ha un libro al quale è particolarmente affezionato, magari più di uno, ma sui libri si è formata la nostra identità, la nostra cultura, la nostra personalità.

Credo sia davvero molto importante promuovere eventi come questo. Voi siete la 17ª edizione , quindi vuol dire che l’evento è radicato e consolidato, presumo che anno dopo anno cresca, si sviluppi, perchè c’è una naturale capacità degli eventi mano a mano che si radicano, di essere maggiormente attrattivi, di rafforzarsi e di specializzarsi. Grazie davvero”.

Il prefetto di Imperia Silvata Tizzano

“Per quanto tradizionale, ogni volta si arricchisce sicuramente di eventi e di momenti originali e di novità. Sicuramente saranno eventi importanti perchè ci avvicinano alla cultura. Ci consentono anche quello che spesso l’utilizzo del digitale non ci consente, il confronto tra autore e lettore, momenti di scambio, confronto di opinioni , di approfondimento e quindi momenti di cultura”.

Il presidente della Provincia Fabio Natta

“È un dovere mettere la cultura al primo posto. Qua lo fa da chi organizza per 17 anni con maestria e con capacità, con passione, con coraggio, con difficoltà, ma con una riuscita ottima, altrimenti non saremo la 17ª edizione.

Un evento che è in primo luogo culturale, poi diventa un evento sociale, turistico, che restituisce un momento di socialità, un momento di cultura davvero alto, in quello che vuole diventare questa Via Cascione, un salotto, ma deve essere un salotto anche letterario”.

L’intervento del vicesindaco Guido Abbo

Sono molto contento e orgoglioso di portare un ringraziamento alla città di Imperia, al Comitato San Maurizio che organizza questa cosa meravigliosa. Personalmente dico che è bellissimo vedere Via Cascione così.

Lo scorso anno era stata appena finita, con la Fiera del Libro eravamo ancora con il cantiere. Oggi è nel pieno del suo splendore, mancano ancora tante cose, ma è già stato teatro di molti eventi. Questo forse è il più rappresentativo.

Sono molto felice e ringrazio tutti per la partecipazione.

Le dichiarazioni dell’assessore regionale Marco Scajola

“Sono un grande estimatore di questo evento che ho avuto modo di seguire insieme a Luciangela già diversi anni fa, come assessore alla cultura del Comune di Imperia, quando questa manifestazione cominciava a muovere i primi passi ed è arrivata allo splendido evento che oggi possiamo vedere.

Un ringraziamento a Luciangela, tutti i collaboratori, a tutte le persone che lavorano, spesso anche dietro le quinte, ma che svolgono un lavoro fondamentale. Un ringraziamento da parte di ognuno di noi.

Noi come Regione Liguria sosteniamo questa manifestazione, come altre manifestazioni perchè riteniamo che la cultura debba essere centrale nell’educazione, ma anche per quello che può essere da un punto di vista economico anche l’organizzazione di eventi che valorizzano il nostro centro storico e possono valorizzare i nostri borghi, le nostre località tipiche liguri con manifestazioni di cultura, di livello, che facciano amare di più il nostro territorio”.

Il commento di Luciangela Aimo

“È un momento di grande intensità e di grande aggregazione per la città. È un momento in cui è doveroso fare i ringraziamenti a tutti, gli organizzatori, i volontari che hanno contribuito, le imprese che si sono prodigate per sponsorizzare l’evento e anche le istituzioni che comunque ci seguono e da anni rappresentano un realtà importante per noi.

La fiera sta crescendo sempre di più e quest’anno ha un tocco anche di internazionalità ed è importante per noi questo passaggio perchè potrà aprire nuovi scenari anche per il futuro”.

Il video del taglio del nastro

Qui sotto il programma dettagliato della manifestazione:

 
 
 
ballottaggio