Elezioni comunali 2018, Home — 31 maggio 2018 alle 18:28

IMPERIA: DALLA VIABILITÀ ALLE AREE DISMESSE, OLTRE 500 AZIENDE HANNO RISPOSTO AL QUESTIONARIO DI CONFCOMMERCIO/FOTO E VIDEO

Si è svolta questa mattina presso la sede della Confcommercio di Imperia, la conferenza dal titolo “Confcommercio e le imprese per un confronto vero” per la presentazione dei risultati del questionario inviato alle imprese commerciali della città.

di Redazione

Schermata 2018-05-31 alle 16.54.03

Si è svolto questa mattina presso la sede della Confcommercio di Imperia, la conferenza dal titolo “Confcommercio e le imprese per un confronto vero” per la presentazione dei risultati del questionario inviato alle imprese commerciali della città.

Presenti Enrico Lupi, presidente provinciale della Confcommercio, Marco Gorlero, presidente Imperia, Giuseppe Panebianco, architetto, Luca Saguato, avvocato amministrativista, e Claudio Fossati, ingegnere.

Enrico Lupi

“Abbiamo usato dei focus specifici per argomento zona per zona. È stato un lavoro estremamente importante ed interessante. Su mille aziende che avevamo individuato come target abbiamo avuto 502 risposte.

502 hanno accettato di rispondere, è stato un lavoro a persona. Grazie all’apporto dell’istituto Ruffini, con il quale abbiamo fatto una convenzione, grazie al nostro personale, ogni azienda è stata intervistata personalmente.

Sono venute fuori curiosità e valutazioni molto interessanti. Vi è molta attenzione ai problemi, suggerimenti anche costruttivi e sarà la piattaforma in discussione che da domani noi apriremo al confronto coi candidati sindaco che vorranno confrontarsi con la Confcommercio.

Credo che sia stata una iniziativa estremamente seria e realizzata con metodo, non sono state interviste telefoniche. Ogni intervista è durata circa 30/40 minuti, quindi è stato estremamente impegnativo.

Una base di discussione e di confronto che poi durerà nel tempo. I nostri esperti, l’architetto Panebianco, l’avvocato Luca Saguato, Fossati Autostrada dei Fiori continueranno questa loro funzione di accompagnamento, supporto e naturalmente contenuti di tipo strutturale scientifico nel tempo e non solamente nella campagna elettorale.

L’elemento di criticità supera le positività, questo è il sentiment che viene fuori.

Vi è apprezzamento se parliamo di eventi e manifestazioni, viene riconosciuto strategico Olioliva, piuttosto che le Vele d’Epoca, il Video Festival, la Notte Bianca. Ci sono delle positività, è ovvio che il Teatro Cavour chiuso, piuttosto che aree dismesse abbandonate, piuttosto che il degrado di tipo quotidiano, pulizia, ordine, arredo quant’altro, evidentemente fanno da elemento significativo di evidenza.

Noi ragioniamo sempre in positivo e vorremmo un confronto con i candidati sindaci, e poi spero con il sindaco eletto, affinchè questo lavoro serva da accompagnamento e di supporto in senso costruttivo e non solamente critico, per trovare soluzioni e dare un contributo sia come organizzazione di imprese, che anche come società civile che esprimono i loro pareri in maniera ponderata, scientifica, culturale, con grande impegno di tutti gli imprenditori”.

Marco Gorlero

“502 è il dato definitivo delle aziende che hanno aderito. Si tratta di un campione molto elevato, parliamo della metà delle aziende commerciali che gravitano sul nostro territorio comunale.

I dati sono molto interessanti, abbiamo potuto già prendere dei primi spunti sulle quali poi andremo a elaborare questa piattaforma programmatica da proporre e e da discutere con i candidati sindaco.

I dati sono parecchio interessanti, la città è viva e vorrebbe dei cambiamenti oltre che pulita e fruibile, l’impronta è decisamente di puntare sicuramente sul turismo con determinati tipi di servizi che analizzeremo e prepareremo questa piattaforma e quindi porteremo un prodotto ancora più preciso e puntuale su quelle che sono state le rivelazioni del questionario.

La valorizzazione di quello che è la città e le potenzialità nascoste o meno nascoste che la città di Imperia può offrire. La città deve puntare sul turismo, però deve essere valorizzata, riconosciuta all’esterno, deve avere i collegamenti.

I cittadini e i commercianti, che sono anche cittadini di Imperia perchè la vivono sulla loro pelle tutti i giorni, queste esigenze le sentono giorno per giorno. A stretto contatto con le loro attività , i clienti e con tutti i problemi che ci possono essere in città”.

Confcommercio e le imprese per un confronto vero, ecco i risultati