Cultura e manifestazioni, Home — 1 giugno 2018 alle 15:24

IMPERIA NELLA GRADUATORIA NAZIONALE DI “CITTÀ CHE LEGGE”, PER LA VALORIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DELLA LETTURA

La qualifica di “Città che legge” consentirà di partecipare ai bandi per l’attribuzione di contributi economici, premi ed incentivi che il Centro per il libro e la lettura di volta in volta predisporrà per premiare i progetti più meritevoli

di Redazione

imperia città che legge

Il Comune di Imperia risulta dal 30 maggio, regolarmente iscritto nell’elenco delle “Città che leggono” per il biennio 2018-2019. La qualifica di “Città che legge” consentirà di partecipare ai bandi per l’attribuzione di contributi economici, premi ed incentivi che il Centro per il libro e la lettura di volta in volta predisporrà per premiare i progetti più meritevoli.

Il progetto ministeriale, del Centro per il libro e la lettura, in collaborazione con ANCI, prosegue la pubblicazione degli elenchi dei Comuni che hanno ottenuto la prestigiosa qualifica di “Città che legge” per il biennio 2018-2019, tra i quali figura, appunto, Imperia. Si intende così promuovere e valorizzare quelle Amministrazioni comunali impegnate a svolgere con continuità sul proprio territorio politiche pubbliche di promozione della lettura.

I comuni ammessi nell’elenco delle “Città che leggono” sono n. 441. La distribuzione su tutta la penisola rivela un equilibrio tra le varie aree geografiche e le Città che leggono per il biennio 2018-2019 sono n. 161 al nord, n.116 al centro, n.125 al sud e n. 39 nelle isole.

Per ottenere la qualifica di Città che legge 2018-2019” il Comune di Imperia ha compilato e inviato il 9 aprile 2018 al Centro per il libro e la lettura, dichiarando di avere le carte in regola, un formulario dal quale risulta in possesso dei requisiti fondamentali: la presenza di una biblioteca di pubblica lettura regolarmente aperta e funzionante, l’esistenza di una importante rassegna di promozione della lettura, la Fiera del Libro, l’adesione attiva a progetti di carattere nazionale quali Nati per Leggere – ai quali i Servizi Biblioteca e Nidi di Infanzia hanno di recente aderito dando vita a molteplici attività laboratoriali formative e informative – e Il Maggio dei Libri; inoltre, la presenza nel territorio di più librerie e punti vendita di libri ma anche, fondamentale, la stipula di un patto locale per la lettura.