Home, Imperia — 3 luglio 2018 alle 15:33

IMPERIA. CONTINUE PERDITE D’ACQUA IN LOCALITÀ BASTERA, I RESIDENTI SCRIVONO AL SINDACO SCAJOLA:”SITUAZIONE INSOSTENIBILE, VA AVANTI COSÌ DA MESI”/LA LETTERA

Gli stessi residenti, tornano a rivolgersi a ImperiaPost, stufi della situazione, sottolineando sia i disservizi sia l’enorme spreco di acqua che ne deriva.

di Redazione

Schermata 2018-07-02 alle 18.20.39

Si ripetono incessantemente da mesi le perdite d’acqua in zona Bastera. Gli stessi residenti, tornano a rivolgersi a ImperiaPost, stufi della situazione, sottolineando sia i disservizi sia l’enorme spreco di acqua che ne deriva.

L’ultima segnalazione pubblicata dal nostro giornale risale al gennaio 2018, quando già il problema si ripeteva da diverso tempo. Da quel momento, i guasti si sono ripetuti con cadenza settimanale, se non giornaliera, nonostante i frequenti interventi dell’Amat.

Per questo motivo, Antonio, uno dei residenti della zona, è tornato a segnalare il disagio scrivendo una lettera al nuovo sindaco Claudio Scajola, nella speranza di trovare una soluzione definitiva.

La lettera inviata al sindaco di Imperia Claudio Scajola

“Buongiorno.

Chi vi scrive è un privato cittadino che tiene a segnalare la scandalosa situazione relativa alle continue rotture di una condotta dell’acqua potabile, situata sulla via Dolcedo in località Bastera, nel tratto che inizia da strada colla e che interessa circa 300 metri di strada in direzione Dolcedo.

Tralasciando il fatto che si tratta di una conduttura diciamo “nuova” ( pare sia stata realizzata non più di 10/15 anni fa) rispetto a quella a cui si collega, la stessa è da circa un anno soggetta a continue rotture con relativo intervento degli operai dell’Amat.

Non ultimo l’intervento che dovranno effettuare, spero oggi o al più presto possibile, poichè nonostante l’intervento effettuato venerdì scorso per la riparazione in due diversi punti, già da sabato mattina si sono verificate tre nuove rotture in altrettanti nuovi punti.

Negli ultimi 6 mesi la situazione è drasticamente peggiorata, nonostante qualcuno si sia preso la briga di tentare di risolvere il problema riducendo la pressione dell’acqua, causando di fatto problemi di mancanza della stessa per le abitazioni che si trovano più a monte della strada Dolcedo.

Ora io dico:
– a parte l’enorme spreco d’acqua che di questi tempi non è cosa da poco conto (vedasi la carenza dell’estate scorsa);
– considerato penso il non esiguo costo dei continui interventi effettuati dai dipendenti dell’Amat che ogni volta ,oltre ad essere costretti ad intervenire in massa (considerando il tipo di strada su cui bisogna intervenire), sono accompagnati da ruspe e attrezzature di vario genere;
– considerato l’enorme “disagio” per gli utenti come me che oltre a rimanere all’improvviso senz’acqua almeno 2/3 volte a settimana, a causa della forzata e inutile diminuzione della pressione spesso assistono impotenti a malfunzionamenti degli elettrodomestici senza tralasciare tra l’altro il fatto che a seguito di ogni riparazioni di manutenzione dal rubinetto l’acqua esce marrone;

Non si fa prima a sostituire questi trecento metri di conduttura?

Basta percorrere questo breve tratto di strada per rendersi conto delle innumerevoli “pezze” di bitume, tante delle quali di fresca realizzazione, causate dai continui e onerosi interventi di manutenzione.

Mi rivolgo a lei Signor Sindaco in quanto, di fresca nomina, ha dimostrato in campagna elettorale di volersi prendere a cuore anche quelle situazioni relative alle periferie, spesso dimenticate da tutti, ma non certo abitate da cittadini di serie “B”.

Scusate lo sfogo e buon lavoro a tutti”.