IMPERIA: DOPO 40 ANNI IN CGIL, LA SINDACALISTA COSTANZA FLORIMONTE VA IN PENSIONE. “HO LAVORATO TANTISSIMO E NE SONO ORGOGLIOSA. LE MIE BATTAGLIE…”

Home Imperia

Dopo 40 anni di lavoro, attivismo e politica, la “storica” sindacalista della Cgil Costanza Florimonte va in pensione, lasciando alle sue spalle tante battaglie portate avanti con grande impegno e passione, per la difesa dei diritti delle persone più deboli.

Schermata 2018-07-06 alle 10.48.58

Dopo 40 anni di lavoro, attivismo e politica, la “storica” sindacalista della Cgil Costanza Florimonte va in pensione, lasciando alle sue spalle tante battaglie portate avanti con grande impegno e passione, per la difesa dei diritti delle persone più deboli.

“Dal primo luglio sono in pensione – spiega la Florimonte contattata da ImperiaPost – Ho fatto la scelta di tornare alle origini, in Campania. Per 3 mesi mi riposerò e poi da ottobre collaborerò con Spi-Cgil di Salerno, non so stare ferma.

Qui lascio un bel ricordo, tante emozioni e tante persone che porterò sempre nel cuore. Abbiamo fatto tante cose, tante battaglie portate avanti, spesso vinte e spesso perse, sempre a fianco dei lavoratori, delle donne e di chi ha bisogno, sono nata così e morirò così”.

Quando ha iniziato il suo percorso?

“Nel lontano ’79, appena diplomata, ho iniziato le prime battaglie per tutelare le donne che andavano a raccogliere le fragole sotto caporale sottopagate, nel Cilento. Purtroppo adesso nella loro condizione ci sono gli stranieri. Quando mi ha preso la Cgil ho iniziato la vita sindacale, difendendo i diritti lavoratori”.

Battaglie da ricordare?

“Quando mi ha preso la Cgil ho iniziato la vita sindacale, difendendo i diritti lavoratori. Ho lottato per l’apertura dell’ospedale di Sapri. Con il Comitato di Lotta per l’ospedale di Sapri abbiamo occupato i binari il 28 luglio di 35 anni fa, bloccando l’italia, protestando per l’ospedale chiuso per problemi politici. Aveva lottato con noi don Giovanni Antonio. Dopo grandi sforzi, siamo riusciti a ottenere la riapertura.

A Genova ho iniziato anche il percorso in politica, sono stata consigliere di circoscrizione, poi seguivo i marittimi, le battaglie con portuali. A Imperia ho avuto l’incarico di direttore del patronato e poi l’incarico agli edili.
In totale sono stata quasi 40 anni in Cgil”.

Un consiglio per chi sta iniziando questo percorso adesso?

“Vorrei che rimanesse alto il senso di appartenenza ai valori della Cgil, dato che sta passando periodo brutto a causa di attacchi politici. Lascio la Cgil di Imperia in buona salute, la segreteria sta facendo grande lavoro e deve continuare su questo passo”.

Ecco il post su Facebook

“30 giugno: Ultimo giorno di lavoro

Questo é il lavoro più difficile che sto per fare…salutare tutti e partire.. È arrivato il momento di interrompere il viaggio che ho intrapreso con voi...amici, compagni, colleghi, colleghi che sono diventati amici. Tutti avete fatto parte della mia vita.

Vado in pensione ed è un passaggio importante della vita ed è pieno di significati. Ho trascorso intere giornate, lavorando tantissimo e ne sono orgogliosa, perché credo di aver costruito qualcosa, ho conosciuto e lavorato con persone meravigliose. 
Un’esperienza straordinaria, che mi ha arricchita molto e mi fa andare in pensione con un bagaglio carico di amicizia, di umanità e di vivere civile.

Grazie alle donne e gli uomini che ho.incontrato in questo splendido viaggio. Uomini e donne che hanno creduto in me, vi lascio con un sentimento di orgoglio. 
Sono stati anni meravigliosi ricchi di passione, lavoro, politica, attivismo e amicizia vera.


A qualcuno mancherà la mia presenza, come a me mancherà la presenza di tutti voi.
 Torno a “casa” la mia casa d’origine, la Campania, ma anche la Liguria ormai è casa..coccolandomi…e così ho due case…e mi mancano sempre entrambe è la dura lotta dell’affezionarsi ad un posto.

Torno a casa quindi, la CGIL di Salerno è pronta ad accogliere la mia collaborazione dopo alcuni mesi di riposo. Le donne non si fermano mai. 
È arrivato cosi il momento, ci siamo, chiudo gli ultimi scatoloni con tutto il carico emotivo dentro e parto. Grazie di vero cuore a voi tutti, presenze importanti per me.

Un abbraccio e un grande in bocca al lupo a tutti e anche …… a me”.

Segui Imperiapost anche su: