Home, Imperia — 13 luglio 2018 alle 07:15

IMPERIA: VIA CASCIONE, MOBILITAZIONE CONTRO LA RIAPERTURA AL TRAFFICO. “IMPROPONIBILE TORNARE INDIETRO, SAREBBE UNA MARCHETTA ELETTORALE”/FOTO E VIDEO

Nella serata di ieri si sono riunite in via Carducci a Porto Maurizio i promotori della pedonalizzazione di via Cascione per affrontare la questione della possibile riapertura parziale al traffico della strada

di Redazione

Schermata 2018-07-13 alle 00.04.01

“Difenderemo fortemente la scelta dell’isola pedonale”. Sono queste le parole usate dalle persone che nella serata di ieri si sono riunite in via Carducci a Porto Maurizio, presso la società operaia, per affrontare la questione della possibile riapertura parziale al traffico di via Cascione. L’incontro è stato organizzato dal Comitato Via Cascione Isola Felice, strenuo difensore del “fronte del Sì” per la pedonalizzazione.

L’incontro pro-pedonalizzazione

Prima di avviare l’incontro, i cittadini, contrari al ritorno delle macchine nella via da poco pedonalizzata, hanno compiuto una passeggiata simbolica da via Cascione a via Carducci, per testimoniare la loro ferma decisione nel tutelare l’intervento effettuato durante l’amministrazione Capacci.

Presenti, oltre a diversi residenti e commercianti della zona, il presidente del Comitato via Cascione Isola Felice Andrea Falciola,  l’ex vice sindaco e assessore ai Lavori Pubblici, oggi consigliere comunale, Guido Abbo, gli ex assessori del Pd, oggi consiglieri comunali, Fabrizio Risso e Enrica Chiarini, il consigliere comunale di Imperia di Tutti Imperia per Tutti Roberto Saluzzo, l’ex consigliere comunale Pd Oliviero Olivieri, l’ex consigliere comunale Fulvio Balestra, il consigliere comunale del M5S Maria Nella Ponte, il candidato Sindaco di Sinitra per Imperia Lucio Sardi, il neo consigliere comunale Edoardo Verda (Imperia al Centro), il coordinatore del Movimento Imperia di Tutti Imperia Per Tutti Claudio Luppi, il segretario dei Giovani Democratici Massimiliano Cammarrata, l’ex consigliere comunale Giorgio Montanari, la portavoce del Comitato M’Importa Deborah Bellotti, il commerciante Riccardo Caratto, l’architetto Cristina Tealdi, la professoressa, ex assessore e consigliere comunale dei Verdi Gabriella Badano, Brunella Ricci (Pd), Pierpaolo Ramoino (Partito Socialista), Claudio Bottero (presidente della Commissione Paesaggio del Comune di Imperia), Roberto Cristaldini (Laboratorio per Imperia) e Marina Salvaterra.

Presente anche, tra le fila della maggioranza, l’ex consigliere Giovanni Lazzarini, alle ultime elezioni nella lista Obiettivo Imperia a sostegno di Claudio Scajola.

Alcuni giorni fa, si era svolto un altro incontro sullo stesso argomento, svoltosi presso il bar Pepito, al quale avevano partecipato in maggior parte i favorevoli al ritorno del traffico. In quell’occasione erano presenti anche il vice sindaco Giuseppe Fossati e gli assessori Antonio Gagliano, Laura Gandolfo e Gianmarco Oneglio.

Nel frattempo prosegue la raccolta firme. Un migliaio quelle già raccolte.

Guido Abbo

 ”L’idea di tornare indietro non è da prendere nemmeno in considerazione. Il questionario che il sindaco ha fatto sembra il pagamento del debito elettorale perché uno dei più forti detrattori è l’assessore alla viabilità Antonio Gagliano. Una persona con esperienza come il sindaco non può pensare ragionevolmente che abbia senso. Le pedonalizzazione e le ztl sono un modo per far vivere la città, non per ammazzarla. Tutte le ztl si trascinano dietro favorevoli e contrari e momenti di assestamento, in quei momenti bisogna aiutare i commercianti. Qui c’è stata una guerra. Io ero incaricato ai lavori pubblici nel momento più duro di questa battaglia, fu una guerra condotta contro l’amministrazione con una ferocia inaudita. Bisogna sopire questa cattiveria. Oggi c’è un’amministrazione nuova che non ha i problemi che avevamo noi, che a fine mandato eravamo scarichi, e dovrebbe rifondare su nuove basi i rapporti con i commercianti senza alimentare spaccature, noi avevamo lasciato aperture, questi fatti alimentano le spaccature“.

Roberto Saluzzo

La serata è organizzata dal Comitato Via Cascione Isola Felice. Noi siamo a favore sicuramente della pedonalizzazione, ci siamo battuti per ottenerla, siamo riusciti con l’amministrazione Capacci ad ottenerla. Pare che ci sia un sondaggio, al momento niente è stato deciso, io non vedo questo allarmismo che si è creato, spero che le cose rientrino velocemente nel buon senso che sicuramente avrà il sindaco Scajola. Spiace che questa sera non c’era presente nessuno dell’amministrazione, visto che all’altro incontro contro la pedonalizzazione c’erano presenti sia il vice sindaco e altri assessori, mentre a questo incontro mi spiace notare che non è venuto nessuno a raccogliere le istanze di questa parte dei cittadini imperiesi”.

Fabrizio Risso

“Il Comitato ha organizzato questo incontro a seguito del questionario diramato dalla nuova amministrazione. Mi sembrava opportuno come consiglieri comunali di minoranza essere presenti per capire il percorso da seguire insieme. Saremo la voce critica in merito a questa iniziativa, difenderemo fortemente la scelta dell’isola pedonale, riteniamo che fosse una scelta giusta per una diversa idea di città ma anche per cercare di dare una possibilità di sviluppo futuro a Imperia. Siamo qua per confrontarci con tutti coloro che hanno condiviso questa scelta e vedremo che strade seguire”.

Maria Nella Ponte

“È arrivato un sondaggio solo a commercianti e residenti di via Cascione. Giustamente il comitato che si è sempre occupato della tutela di questa area della città ha voluto fare un incontro per mettere a fuoco i punti chiavi di questa area pedonale. Come M5S siamo a favore delle aree pedonali perché migliorano la vita dei cittadini, sono state sperimentate in Italia e all’estero e hanno sempre dato buoni risultati sia dal punto di vista commerciale sia per la qualità di vita, se ben strutturata e organizzata dà valore aggiunto alla città. Oggi il nuovo sindaco ha detto che c’è stato un “pasticcio”. L’unico fatto vero è che i questionari sono stati consegnati dal capo della Polizia Municipale, ufficialmente incaricata. Pare che l’assessore Gagliano ne fosse all’oscuro, ormai è di moda a Imperia che le cose avvengano all’insaputa di qualcuno. Sarà un virus che si spanderà? È un questionario posto senza alternativa, chiedendo in quali orari aprire il traffico. Bisogna invece chiedere perché alcuni si lamentano. Solo capendo le motivazioni che spingono le persone ad essere avverse si può agire. Via XX Settembre funziona, nessuno ci rinuncerebbe, come nessuno rinuncerebbe a quelle di Oneglia come via San Giovanni. Via Cascione è il salotto della città, con Teatro, Bar, Cinema, perché non può funzionare? Non bisogna lasciarla abbandonata a se stessa,  bisogna completare l’arredo urbano, che è carente, bisogna aiutare i cittadini a individuare i posti auto disponibili con segnaletiche interattive, pubblicizzare per valorizzare l’esistenza di questa area pedonale, perché i turisti non possono sapere che c’è questa nuova area pedonale di svago e divertimento e di vita sociale”.

Giovanni Lazzarini

“Si sta discutendo della situazione. Secondo me è partita in modo sbagliato perché l’assessore alla viabilità forse ha pensato di spingere sull’acceleratore. Ci sono tante cose da valutare e da vedere, perchè parliamo di commercianti, ma  via Cascione sta dando un’apertura a tutti i commercianti di porto. Quando un turista chiede dov’è il centro per fermarsi un attimo, prima non ce l’avevamo ora sì. Ci sono tante cose ancora da vedere sulla riapertura, confido nel sindaco che è una persona molto intelligente. Quindi aspetterei a parlarne”.

 

Lucio Sardi

“Questa iniziativa di mobilitazione va sostenuta e vuole fare apparire il sentimento prevalente della città sulla questione del mantenimento dell’isola pedonale di via Cascione che non deve essere cancellata o snaturata con una proposta oggettivamente improponibile che è semplicemente il risultato di una marchetta elettorale che il sindaco deve fare verso qualche suo candidato”. 

Passeggiata in via Cascione