PIZZICATO IN POSSESSO DI HASHISH, EROINA E COCAINA, PROVA A FARSI SCUDO CON UN CANE PER DISFARSI DELLA DROGA. 30ENNE ARRESTATO DALLA POLIZIA/I DETTAGLI

Home Imperia

Ieri la Polizia di Stato ha arrestato A.S., nato il 1988, per i reati di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Schermata 2018-08-11 alle 18.08.59

Ieri la Polizia di Stato ha arrestato A.S., nato il 1988, sedicente cittadino algerino con precedenti di polizia, per i reati di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

 

A seguito di segnalazione di alcuni cittadini che avevano notato, in via Lamarmora, un insolito movimento di cittadini italiani e stranieri, personale della Squadra di P.G. del Commissariato P.S. di Sanremo effettuava una perquisizione domiciliare all’interno di un appartamento sito al 5 piano della stessa via, ove venivano identificati una cittadina italiana e tre stranieri.

Nel corso della perquisizione, uno degli stranieri, visibilmente agitato, veniva trovato in possesso di tre involucri di sostanza stupefacente di diversa tipologia (hashish, eroina, cocaina) di cui lo stesso, dopo essersi fatto scudo di un cane presente in casa, cercava di disfarsi lanciandoli dal balcone nel sottostante giardino condominiale.

L’immediato intervento degli agenti consentiva di bloccare l’individuo e recuperare tutto lo stupefacente: in particolare, venivano sequestrati circa 30 grammi di eroina, 5 di cocaina e 6 di hashish, ed ovviamente tutta l’attrezzatura per la preparazione delle dosi (bilancino, sostanza da taglio, ecc.), a riprova dell’estrema pericolosità dell’arrestato, in grado di soddisfare qualsiasi richiesta proveniente dai tossicodipendenti sanremesi.

Gli altri due stranieri, di cui uno regolare, venivano comunque denunciati per ricettazione in quanto nello stesso appartamento venivano rinvenuti e sequestrati una decina di telefoni cellulari di probabile provenienza furtiva.

Il Giudice, convalidato l’arresto in sede di giudizio per direttissima, ha disposto, in attesa di processo, la misura cautelare del divieto di dimora nelle province di Imperia e Savona per anni 3.


Segui Imperiapost anche su: