CHI L’HA VISTO: PARLANO I GENITORI DI MAGDA, LA 16ENNE IMPERIESE SCOMPARSA LO SCORSO 15 AGOSTO. LA MAMMA:”É LA MIA VITA, HO BISOGNO DI LEI”

Attualità Home

È una testimonianza piena di angoscia quella di mamma Alberta e papà Alessandro che vorrebbero solo che Magda torni a casa il più presto possibile.

magda-2

Una telefonata da un telefono olandese per dire alla famiglia che stava bene e poi ancora una chiamata alla famiglia per dire che sarebbe tornata a casa sabato scorso ma ciò non è avvenuto. Sono queste le ultime notizie che la famiglia di Magda, la studentessa di 16 anni scomparsa da Imperia lo scorso 15 agosto, hanno delle propria figlia e divulgate ieri sera nella prima puntata della nuova stagione del programma televisivo “Chi l’ha Visto”, in onda in prima serata su Raitre.

È una testimonianza piena di angoscia quella di mamma Alberta e papà Alessandro che vorrebbero solo che Magda torni a casa il più presto possibile.

L’ultimo avvistamento di Magda

L’ultimo avvistamento della ragazza risale al 24 agosto, attorno alle 16 del pomeriggio a San Lorenzo al Mare, quando una telecamera di sorveglianza ha inquadrato Madga mentre saliva sull’autobus diretto a Sanremo.

La chiamata da un numero di telefono olandese

La giovane diversi giorni fa ha chiamato da un numero olandese dicendo “Sono contenta, sono con amici e sto andando in Francia“. Il numero è stato subito dismesso dopo la telefonata.

In una seconda telefonata, da un altro contatto telefonico, la ragazza ha chiesto alla famiglia se avessero un avvocato. Il motivo? “Bisognerebbe attivare l’articolo della Farnesina” – ha affermato Magda.

La ragazza ha effettuato infine un’ultima telefonata pochi giorni fa dicendo che sarebbe tornata a casa a breve, ma così non è accaduto.

Le parole dei genitori

“Comunicavamo poco a volte, lei viveva dei momenti di disagio che affrontava con l’arte, la pittura e la musica” – spiega la mamma di Magda – “La sera prima mi ha guardato e mi ha detto “Ti voglio bene”, non lo faceva quasi mai”.

“Il giorno prima mi aveva toccato le braccia guardandomi negli occhi: quello era chiaramente un saluto e non l’ho capito. Sto malissimo ma capisco bene quelle che possono essere state le ragioni di Magda, cioè di affermare la sua esistenza. Noi siamo qui come base per fare tutto quello che può servire per farle fare una vita felice ma anche serena”. 

“Le voglio bene, – dichiara ancora la mamma – mi manca, io ho bisogno di lei, ho bisogno di mia figlia. Lei ha un ruolo nella nostra vita, lei dal punto di vista affettivo è fondamentale, non perché le ho dato la vita ma perché io ho bisogno di lei dal punto di vista affettivo”. 

Il giorno della scomparsa

Dopo essere uscita di casa la mattina del 15 agosto, ha chiamato la madre alle 10, dicendo che si trovava al mercato per comprare un vestito e che poi sarebbe andata a Pontedassio. Non è più rientrata e dalle 14 il suo cellulare è risultato spento. Ha i capelli ricci tinti di verde ma potrebbe averli rasati.

Al momento della scomparsa indossava:

pantaloni militari, scarpe nere “Globe”, 2 magliette una sopra l’altra, zaino bordeaux “EastPack”, una borsa di tela nera e ha con se una chitarra acustica

Segni particolari, come riporta la scheda del sito di “Chi l’ha visto”, un tatuaggio su gomito sinistro con scritto “never mind”.

[wzslider autoplay=”true” interval=”6000" transition=”‘slide'” lightbox=”true”]

Segui Imperiapost anche su: