TROPPI DISOCCUPATI E POCHI LAUREATI, IMPERIA MAGLIA NERA NEL REPORT DELLA CGIL. “DATI PREOCCUPANTI”

Home Imperia

Dal turismo all’edilizia, dall’istruzione all’occupazione. Durante il congresso odierno, è stato presentato il report sugli andamenti economici della Provincia, dal quale sono emersi dati sconfortanti.

cgil-imperia-lavoro-occupazione-disoccupazione-istruzione-report

“Imperia è la provincia d’Italia con meno laureati in rapporto alla popolazione”. A renderlo noto è il segretario generale CGIL della provincia di Imperia, Fulvio Fellegara, durante il congresso provinciale della federazione, svoltosi oggi a Sanremo.

Il report della CGIL di Imperia

Dal turismo all’edilizia, dall’istruzione all’occupazione. Durante il congresso odierno, è stato presentato il report sugli andamenti economici della Provincia, dal quale sono emersi dati sconfortanti.

Imperia, non solo è la provincia in Italia con meno laureati in rapporto alla popolazione, è anche quella con il tasso di disoccupazione più alto e il tasso di occupazione più basso, rispetto alla media della regione Liguria.

Fulvio Fellegara

Istruzione

“Il dato importante siamo la provincia in Italia con meno laureati e diplomati in rapporto alla popolazione. Un dato che fa riflettere sull’occupabilità futura dei giovani, incide sulla disoccupazione giovanile, che da noi è alta, e sull’incidenza dei “neet”, ossia i giovani tra i 16 e i 24 anni che non studiano e non cercano lavoro.

Turismo

“Abbiamo analizzato la situazione di povertà per quanto riguarda i redditi in provincia di Imperia. Abbiamo analizzato i dati degli arrivi turistici, dati che restano sotto lente di ingrandimento perché negli anni in cui c’è stato un aumento di arrivi non si è tradotto in aumento occupazione.

Inoltre, quest’estate c’è stata una diminuzione di arrivi per alcuni comprensori, il dianese in particolare, quindi c’è una grossa preoccupazione”.

Disoccupazione e occupazione

“Per quanto riguarda il tasso di disoccupazione è al 14%, più alto della media regionale, e il tasso di occupazione è più basso della media regionale. 

Questo è in linea con gli anni precedenti, Imperia è sempre stata la maglia nera della regione. La difficoltà nasce da una serie di settori in crisi, l’edilizia è ai minimi storici e il turismo non ha raccolto le opportunità che il mercato ha dato in questi anni. La permanenza media annua delle persone che vengono è di 3,61 giorni, molto bassa. Una permanenza bassa si traduce in lavoro precario, legato ai weekend e alle previsioni del tempo”. 

Strategie per il futuro

“Abbiamo la nostra piattaforma che si occupa di infrastrutture. Stiamo provando a redigere protocolli con Sanremo e Ventimiglia. Abbiamo incontrato Imperia, Vallecrosia, BordigheraTaggia per proporre a tutti il protocollo e per cercare punti di incontro su infrastrutture e valorizzazione del territorio per dare occupazione a chi è disoccupato nel settore edile e poveri del territorio. Stiamo provando ad andare avanti su questo filone.

Per quanto riguarda il turismo, stiamo cercando di valorizzare tutte le attività orientate a destagionalizzare, per allungare la stagione e rendere stabili i contratti”.

Conferma della nomina di segretario generale provinciale CGIL

“Sono molto soddisfatto per la conferma della mia nomina, mi fa piacere la fiducia che i compagni nutrono in me. Da domani torniamo al lavoro con il massimo impegno”.

 I dati della CGIL

[wzslider autoplay=”true” interval=”5000″ transition=”‘slide'” lightbox=”true” exclude=”352991″]

Segui Imperiapost anche su: