Imperia: disabilità e barriere architettoniche, la commissione Peba progetta interventi a Porto Maurizio per 120 mila euro/i dettagli

Attualità Imperia

Si è riunita ieri la commissione “Peba”, l’organo che si occupa dell’elaborazione dei piani per l‘eliminazione delle barriere architettoniche nella città di Imperia.

Barriere architettoniche: i progetti del Peba a Imperia

Dopo essersi concentrato sulla zona di Oneglia e su parte di viale Matteotti, il Peba ha intenzione di proseguire l’opera dell’abbattimento delle barriere architettoniche a Porto Maurizio.

Presieduta dal consigliere Orlando Baldassarre, la Commissione ha analizzato gli interventi previsti in materia dall’Amministrazione guidata dal sindaco Claudio Scajola.

L’assessore ai Lavori Pubblici, Ester D’Agostino, ha illustrato il percorso previsto di abbattimento delle barriere architettoniche tra Viale Matteotti, all’altezza dei due leoni, e Piazza Roma, passando per Via XX Settembre.

“All’interno del percorso sono previsti diversi scivoli e la realizzazione della pavimentazione dei marciapiedi spiega l’assessore – È stata anche l’occasione per fare il punto sull’aggiornamento dell’accessibilità al Palazzo Comunale, che sarà realizzato a breve, e sul progetto della spiaggia inclusiva di Borgo Prino della collega Laura Gandolfo”.

“Ho visto una partecipazione attiva da parte della Commissione – conclude l’assessore D’Agostino – C’è la volontà di parte di tutti di dare un contributo su questo tema, che è tra i più sentiti da parte dell’Amministrazione Comunale”.

Nel dettaglio, il progetto prevede la creazione di scivoli e fermate dell’autobus accessibili in viale Matteotti, fino a raggiungere la pensilina di Porto Maurizio. Altri interventi verranno eseguiti in via Cascione, via XX Settembre, fino alla palestra dell’Istituto Ruffini delle Terre Bianche. 

Per gli interventi del 2019 è previsto un investimento di 120 mila euro.

“Prosegue inoltre la progettazione della “InSpiaggia” a Borgo Prino – spiega l’assessore Laura Gandolfo il costo della realizzazione si aggira intorno ai 37 mila euro, di cui 15 mila sono contribuiti regionali e 22.500 sono del fondo Peba, derivante dagli oneri di urbanizzazione. Verranno creati parcheggi ad hoc, oltre a un scivolo diretto all’accesso al mare”.