Imperia: illuminazione votiva cimiteri, la gestione passa dall’Amat al Comune/I dettagli

Attualità Imperia

Sarà il Comune di Imperia, dal 1° gennaio 2019, a gestire  l’illuminazione votiva dei cimiteri comunali. Lo ha stabilito la Giunta Scajola con una recente delibera.

Sarà il Comune di Imperia, dal 1° gennaio 2019, a gestire  l’illuminazione votiva dei cimiteri comunali. Lo ha stabilito la Giunta Scajola con una recente delibera. Il provvedimento dovrà passare ora al vaglio del Consiglio Comunale.

Cimiteri: sarà il Comune a gestire l’illuminazione votiva

Il servizio di gestione dell’illuminazione votiva era in capo all’Amat dal gennaio del 2004. Il contratto, in scadenza nel dicembre del 2018, non verrà rinnovato e “tutti gli impianti in uso ritorneranno nella piena disponibilità del Comune”.

Una decisione, quella dell’Amat, legata al concordato preventivo in base al quale la società partecipata del Comune potrà “svolgere la propria attività ordinaria per mantenere la continuità del servizio affidato e, pertanto, con esclusione dei servizi in scadenza”.

In particolare, la Giunta propone al Consiglio Comunale, di impartire il seguente indirizzo:

  • di gestire il servizio in oggetto, in gestione diretta a decorrere dall’1° gennaio 2019;
  • di fornire indirizzo ai Dirigenti dei Settori Competenti, Amministrativo e Lavori Pubblici-Ambiente, di gestire tale servizio mediante personale in servizio presso l’Ente o mediante ditte esterne specializzate per la manutenzione ordinaria e straordinaria, dando atto che l’ufficio Servizi Cimiteriali provvederà alla riscossione delle spese di primo allacciamento e del canone annuale di abbonamento, mentre l’ufficio Tecnico Comunale provvederà mediante il personale comunale o facendo ricorso a ditta esterna specializzata ai nuovi allacciamenti, alla fornitura di energia elettrica, alla manutenzione ordinaria e straordinaria degli impianti ed a tutte le opere necessarie per migliorare l’impianto, ampliarlo o potenziarlo;
  • di dare atto che l’organizzazione del servizio, dovrà essere improntata ai criteri di efficienza operativa,
    efficacia qualitativa e quantitativa delle prestazioni erogate ed economicità gestionale;

 

Segui Imperiapost anche su: