Migranti, caso Diciotti: Matteo Salvini indagato. Chiappori:”Se una di quelle navi affonda, lui va in galera”

Attualità Golfo Dianese

Chiappori commenta la decisione del Tribunale dei Ministri di Catania di indagare il ministro leghista Matteo Salvini per sequestro di persona aggravata ai danni dei 174 migranti.

matteo-salvini-indagato-diciotti-ministro-lega-chiappori-diano-marina

“Salvini sta rischiando molto, pensa che le regole si possano infrangere con il voto degli italiani”. Con queste parole il sindaco di Diano Marina Giacomo Chiappori commenta la notizia della decisione del Tribunale dei Ministri di Catania di indagare il ministro leghista Matteo Salvini per sequestro di persona aggravata ai danni dei 174 migranti che si trovavano a bordo della nave Diciotti l’agosto scorso.

In particolare, il ministro è accusato di “aver abusato dei suoi poteri”. 

Salvini indagato, il commento di Giacomo Chiappori

“Gli italiani non lo hanno votato per governare con i 5 Stelle – afferma Chiappori – Se la Sea-Watch che è in mezzo al mare va a fondo lui finisce in galera e poi all’Aia, imputato di crimini contro l’umanità.

È vero che in Europa parlano e noi siamo sempre sotto tiro. Se fossi Ministro dell’Interno, prenderei la nave, la scaricherei e la sequestrerei e così via con tutte le navi che attraccano nei porti italiani. 

Continuo a dire che è una vigliaccata far vedere in Tv le pubblicità del “Buondì”, dove al mattino tutti sorridenti, e non i calci nel culo, come è in realtà la vita. Ho l’idea che l’uomo vuole globalizzare l’uomo.

I migranti stanno lì a non fare nulla – continua – Se l’Italia spende 4 miliardi per l’immigrazione io dico che si foraggino gli stati africani con quei soldi per creare lavoro là.

Futuro nella Lega? Prevedo un futuro con la mia famiglia, metto a posto la mia azienda che potrebbe dare da mangiare a mia figlia e poi, una volta finito di fare il sindaco, me ne vado in giro.

Elezioni Europee? Se dovessi farlo sicuramente starò sul posto a fare gli interessi del mio Paese, durante la mia esperienza da Parlamentare ho sempre lavorato, andavo alle commissioni, nessuno mi può dire nulla su questo”.

Ecco il video di Matteo Salvini

Ci riprovano.Rischio da 3 a 15 anni di carcere per aver bloccato gli sbarchi dei clandestini in Italia.Non ho parole.Paura? Zero.Continuo e continuerò a lavorare per difendere i confini del mio Paese e la sicurezza degli Italiani!#iononmollo

Pubblicato da Matteo Salvini su Giovedì 24 gennaio 2019

Segui Imperiapost anche su: