Imperia: porta a porta, mastelli ostruiscono ingresso del condominio. “Come si può vivere così?”

Attualità Imperia

L’ex consigliere comunale Antonio Russo: “Non esistono le condizioni di base per potere avviare il PaP ad Imperia”.

“Ma veramente gli abitanti di questo condominio dovrebbero vivere così?. C0sì l’ex consigliere comunale, coordinatore del Gruppo Rifiuti Zero, Antonio Russo, commentando un’immagine che ritrae i mastelli distribuiti da Teknoservice per la raccolta porta a porta di fronte all’ingresso di un condominio.

Imperia: Porta a porta, l’ex consigliere Russo all’attacco

“Signor sindaco Claudio Scajola – scrive Russo – è inutile partire, quando non si è pronti. Non esistono le condizioni di base per potere avviare il PaP ad Imperia. E’ mancata completamente la fase propedeutica all’avvio del servizio, è mancata la comunicazione, è mancato il coinvolgimento dei cittadini, degli amministratori, delle associazioni. Eppure c’erano tutte le condizioni per riuscire, avevamo a disposizione il tempo (5 mesi), avevamo a disposizione il progetto di riorganizzazione del SIA (costatoci c.a. 48mila euro), nonché il progetto di comunicazione realizzato gratuitamente dal GDL Rifiuti Zero.

Invece si è preferito dare ascolto a dei ciarlatani venuti a raccontarci di improbabili risultati conseguiti (80% di raccolta differenziata ) già nel primo mese. Quindi si è dormito sugli allori, convinti che costoro fossero dotati della bacchetta magica. Il risveglio purtroppo è stato brutale ed oggi bisogna mettere da parte l’orgoglio ed operare negli interessi dei cittadini imperiesi che si è giurato di difendere.

La soluzione unica e necessaria è la proroga di almeno 4 mesi per recuperare il tempo perso da settembre a dicembre. Da recuperare ci sarebbe anche l’aumento di canone percepito (c.a. 600mila euro) da settembre a dicembre.

Coraggio sig. Sindaco Scajola, faccia in modo che tutti vengano coinvolti in maniera efficace. Da parte mia confermo la disponibilità a collaborare gratuitamente al progetto Imperia verso Rifiuti Zero”.

 

Segui Imperiapost anche su: