Sanremo 2019: Boomdabash. “Zona rossa? Non ci interessano le classifiche. Vogliamo portare freschezza ed energia”/Foto e video

Sanremo 2019

“È come se avessimo portato sul palco la bandiera della Puglia e della musica salentina”. È il commento dei Boomdabash, durante la conferenza stampa di oggi, dopo le prime quattro serate della 69ª edizione del Festival di Sanremo.

Sanremo 2019: Boomdabash con “Per un milione”

“Il nostro obiettivo era quello di portare una ventata di freschezza ed energia sull’Ariston e crediamo di esserci riusciti. C’è stato un grande feedback dal pubblico. Non c’è stato niente di deciso a tavolino per Sanremo, abbiamo voluto portare noi stessi.

È come se avessimo portato sul palco la bandiera della Puglia e della musica salentina.

Il nostro habitat naturale è il palco. Una volta spente le luci dell’Ariston torneremo a fare quello che sappiamo fare, portando la nostra musica in giro.

Nella zona rossa noi ci siamo nati, in quella della vita, non quella della sala stampa, e ci sappiamo muovere bene. Quando una cosa è manifesta a tutti, non c’è bisogno di dire altro. Tutti hanno visto come si sono mossi i Boomdabash sul palco. A noi interessa che la gente a casa abbia recepito il nostro pezzo, non ci interessano le classifiche. Noi veniamo da un’epoca in cui si faceva musica dalla camerata. Siamo vecchio stampo.

Il nostro brano parla dell’attesa dell’amore in tutte le sue sfacettature, che noi stiamo oggi dimenticando. Ritorniamo a guardare il bene come i bambini sanno fare.

Quando ci siamo incontrati con Loredana Bertè nel pre festival ci ha detto: “Perché non lo facciamo insieme il duetto?” e noi le abbiamo risposto: “Purtroppo non possiamo, ma sarebbe stato spettacolare”.

La diretta dalla sala stampa

#Boomdabash in diretta dalla sala stampa di #Sanremo2019

Pubblicato da Imperiapost.it su Sabato 9 febbraio 2019