Frodano la nazionale di Tennistavolo: Polizia Postale di Imperia smaschera due hacker sanremesi/L’inchiesta

Cronaca

Secondo la ricostruzione della Polizia, gli hacker avrebbero approfittato dell’occasione di un torneo internazionale che vedeva la partecipazione di oltre 40 Paesi di tutto il mondo

Sono due hacker di Sanremo i responsabili di un attacco informatico ai danni della nazionale azzurra di tennistavolo.

I due, rintracciati e denunciati dalla polizia postale di Imperia, si erano impossessati dell’identità digitale degli organizzatori di un torneo internazionale, chiedendo ai partecipanti di effettuare pagamenti su falsi conti correnti, incassando oltre 30mila euro.

Attacco informatico alla nazionale di tennistavolo: la Polizia Postale di Imperia denuncia due hacker di Sanremo

Secondo la ricostruzione della Polizia, gli hacker avrebbero approfittato dell’occasione di un torneo internazionale che vedeva la partecipazione di oltre 40 Paesi di tutto il mondo.

I due sarebbero venuti in possesso delle credenziali di accesso delle caselle di posta elettronica della Federazione Italiana (Fitet), carpendo i dati relativi agli estremi dei pagamenti per la partecipazione al torneo.

Una volta impossessati dell’identità digitale degli organizzatori del torneo, gli hacker avrebbero contattato le varie società sportive (tra cui, oltre all’Italia, la Cina, la Polonia e l’Ungheria) chiedendo di procedere ai pagamenti su conti correnti (accesi presso banche estere), risultati in seguito falsi.

Attraverso questo metodo, i due avrebbero incassato oltre 30 mila euro.

Accorgendosi della frode, la Federazione italiana ha denunciato il fatto alla Polizia Postale che, coordinata dalla Sezione Financial Cybercrime del Servizio centrale di Roma, ha avviato una serie di accertamenti informatici, individuando i due sanremesi, rintracciati a Torino.

Da una perquisizione, gli agenti sono venuti in possesso delle prove del reato, contenute in materiale hardware e software, sottoposto a sequestro.

Segui Imperiapost anche su: