“Sui sentieri del Golfo”: Lunedì 22 aprile il trekking urbano di San Bartolomeo al Mare/Il programma

Golfo Dianese Sport

Patelli accompagnerà gli escursionisti nel Trekking Urbano di San Bartolomeo al Mare, tra borghi, orti, chiesette e campagne, per scoprire gli angoli nascosti di San Bartolomeo e delle sue borgate

Lunedì di Pasquetta terzo appuntamento di quest’anno a San Bartolomeo al Mare con la spettacolare esperienza di “Sui sentieri del Golfo“, un programma articolato di escursioni guidate, di passeggiate, offerte dell’Ufficio turismo e dal Centro Sociale Incontro, realizzate con la collaborazione della Guida ambientale escursionistica Luca Patelli (www.lucapatelli.com).

Patelli accompagnerà gli escursionisti nel Trekking Urbano di San Bartolomeo al Mare, tra borghi, orti, chiesette e campagne, per scoprire gli angoli nascosti di San Bartolomeo e delle sue borgate. Un’escursione facile, che consente a tutti di avere una visione molto differente dei borghi liguri e di ciò che li circonda, con molti scorci caratteristici che non si possono notare dal finestrino dell’auto e nella routine di tutti i giorni. La distanza è di soli 8,5 km, per una durata prevista di 3 ore e mezza, con dislivello di 150 m. Ritrovo e partenza dalla Torre Santa Maria, con pranzo al sacco.

Sui sentieri del Golfo“, giunto quest’anno alla sesta edizione, è uno degli appuntamenti più gettonati del programma degli eventi della cittadina del Golfo Dianese. Luca Patelli accompagna gli escursionisti alla scoperta della natura e dei magnifici panorami del Golfo dianese e della Valle Steria, passando – come in un affettuoso abbraccio – dalla costa alle montagne. Ad ogni appuntamento, gli escursionisti scoprono borghi antichi e mulattiere secolari, in un trionfo di colori e profumi che solo la primavera in Liguria è capace di offrire.

Famoso per le spiagge e il mare, il Golfo Dianese offre storia, natura e scorci unici. Già ai tempi dei romani era venerato come un luogo sacro. Una fitta rete di sentieri e mulattiere ha unito, nel corso dei secoli, la costa con l’entroterra e i passi di collegamento con le valli Impero e Merula, laddove partivano le carovane dirette verso il Piemonte e le regioni alpine. Sentieri che racchiudono la storia della civiltà contadina ligure e che restituiscono oggi al visitatore attento un territorio molto più profondo e autentico di quanto si pensi.

Segui Imperiapost anche su: