Dolcedo, Monte Faudo: stanziati fondi per potenziamento segnaletica sentieri. “Per la promozione turistica dell’area”/I dettagli

Attualità Entroterra

Durante il Consiglio Comunale del 30 aprile scorso sono state stanziate risorse per il potenziamento della segnaletica dei sentieri e per le prime attività di pulizia e manutenzione.

Il Comune di Dolcedo nel giugno scorso ha istituito l’Area Naturalistica del Monte Faudo nell’ambito del territorio comunale. L’obiettivo è quello di tutelare i valori ambientali dell’area montana e mettere in campo tutte quelle azioni necessarie per la valorizzazione e la promozione ambientale ed eco-turistica del sito.

Grazie al contributo volontario di alcune attività turistiche e commerciali di Dolcedo sono stati raccolti i primi fondi con cui sono stati acquistati i cartelli posizionati lungo i sentieri per il divieto di transito con i mezzi a motore.

Il Comune di Dolcedo ha poi stanziato ulteriori risorse con cui si è ampliata la Rete Escursionistica della Liguria – R.E.L. inserendo nuovi tracciati, ad integrazione di quelli già esistenti, nella banca dati del sito della Regione Liguria e a breve verrà posizionata su quei sentieri la segnaletica specifica R.E.L.

Durante il Consiglio Comunale del 30 aprile scorso sono state stanziate risorse per il potenziamento della segnaletica dei sentieri e per le prime attività di pulizia e manutenzione.

Giovanni Danio, Sindaco di Dolcedo:

“Siamo solo all’inizio ma sono molto soddisfatto del lavoro avviato in questi mesi, finalizzato alla tutela e alla promozione turistica dell’area del Faudo. In un’ottica più ampia stiamo lavorando anche con i Comuni limitrofi per la valorizzazione del territorio e la realizzazione di cartine dei sentieri.

L’indirizzo politico che questa Amministrazione e l’intero Consiglio Comunale hanno voluto dare per il futuro di Dolcedo è molto chiaro: “turismo verde – tutela ambientale e promozione del territorio e dei suoi prodotti“.

Dolcedo ha una capacità ricettiva di 850 posti letto a pochi chilometri dal mare e la possibilità di offrire paesaggi rilassanti per passeggiate tra gli ulivi, nel bosco e sui pascoli oltre i 1.000 metri di quota dove la vista spazia dalle Alpi Liguri al mare.

Per questo intendiamo proseguire nella realizzazione del progetto “Monte Faudo – Area Naturalistica” mettendo in campo tutte le risorse possibili per valorizzare tutti i principali sentieri di montagna e le strade bianche interpoderali che attraversano gli uliveti da poter percorrere a piedi, in mountain bike o a cavallo e verranno sviluppate idee quali “adotta un sentiero”.

Vorrei ringraziare tutti i Consiglieri comunali che hanno lavorato a questo progetto e sono riusciti a coinvolgere anche molti commercianti e operatori turistici di Dolcedo che per questo ringrazio.

Desidero inoltre ringraziare il Gruppo Ecologico Val Prino per l’aiuto volontario prestato nella pulizia periodica della strada che porta al Faudo e l’U.S. Maurina unitamente al Marathon Club Imperia che hanno recentemente effettuato alcuni piccoli interventi di manutenzione ordinaria della strada in vista della 49° edizione della Corsa al Monte Faudo.

Infine un ringraziamento alla Prefettura di Imperia per il coordinamento e alle Forze dell’Ordine impegnate sul territorio per le attività di controllo.

L’augurio dell’Amministrazione è che tutti gli sforzi messi in campo possano tradursi in una maggiore consapevolezza della tutela ambientale e che da ciò possano crearsi nuovi posti di lavoro legati al “turismo-verde” per i nostri giovani”.

Segui Imperiapost anche su: