Sicurezza, celebrata la “giornata regionale Polizia Locale”: consegnate 18 onorificenze per meriti speciali a 14 Agenti

Provincia

Sono complessivamente 18 le onorificenze per meriti speciali, quattro delle quali ai Comandi di Genova, Milano, Torino e Livorno ‘per l’impegno, la professionalità e la dedizione dimostrati in occasione della tragedia che ha colpito la città a seguito del crollo del Ponte Morandi’, consegnate oggi durante la prima Giornata regionale della Polizia Locale, istituita da Regione Liguria con l’emendamento n.8 al ddl 229/2918 (Disposizioni collegate alla Legge di stabilità per il 2019) approvato nel dicembre scorso dal Consiglio regionale.

La data è stata individuata nell’ambito del Comitato tecnico consultivo di Polizia Locale ed è legata ad un avvenimento ben preciso: il 3 maggio del 1957 Papa Pio XII con Lettera Apostolica nominò San Sebastiano patrono della Polizia Locale.

Tra i premiati, anche l’agente Roberto Ressia, della Polizia Locale di San Lorenzo al Mare e l’assistente Ilenia Lanteri, della Polizia Locale di Vallecrosia: il primo per aver sventato un tentativo di suicidio dimostrando una ‘elevatissima dose di coraggio oltre ad un profondo senso di solidarietà e del dovere, nonché innegabili capacità professionali al servizio della collettività’, la seconda per aver affrontato mentre era fuori servizio e con notevole sprezzo del pericolo, un noto pregiudicato resosi autore di un furto ai danni di un’anziana, assicurando il malvivente alla giustizia’.

“Questa giornata – afferma il presidente Giovanni Totiè dedicata a tutti coloro che svolgono questo lavoro con dedizione e impegno quotidiano: chi indossa una divisa e lavora a contatto con le persone è primo volto delle istituzioni di fronte ai cittadini. Quest’anno poi la Giornata della Polizia Locale ha un significato ancor più pregnante perché cade a pochi mesi dal crollo di ponte Morandi: sono orgoglioso di premiare non solo gli agenti che si sono distinti per meriti speciali ma anche i Comandi di Genova, Milano, Torino e Livorno per l’instancabile impegno profuso nell’immediatezza della tragedia e nei giorni e mesi successivi”.

Proprio a seguito della tragedia, Regione ha stanziato 20mila euro a favore del Comune di Genova per progetti di sicurezza e formazione destinati ai nuovi agenti di Polizia locale assunti a tempo determinato per rispondere alle necessità legate all’emergenza.

Siamo orgogliosi di celebrare questa Giornata – aggiunge la vicepresidente e assessore alla Sicurezza Sonia Vialeche, istituita con un mio emendamento, diventa da quest’anno un appuntamento fisso per riconoscere il valore degli agenti di Polizia Locale e consolidare sempre di più il legame con la popolazione. In un sistema integrato che vede la sicurezza urbana quale elemento essenziale per la convivenza civile delle nostre comunità, è importante sottolineare il ruolo della Polizia Locale, in cui crediamo fortemente: per questo abbiamo destinato 1 milione di euro alla sicurezza urbana, anche per promuovere forme di integrazione e collaborazione tra i Comuni”.

Tra i 14 agenti insigniti dell’onorificenza, 2 sono dell’imperiese (San Lorenzo al Mare e Vallecrosia), 6 del savonese (Albenga, Savona e Loano), 4 di Genova e 2 dello Spezzino (Sarzana e La Spezia). Inoltre tre sono donne.

Alcuni hanno sventato tentativi di suicidio, per aver agito, anche fuori servizio, arrestando autori di reato (scippi, furti), per interventi di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti e all’abusivismo commerciale, per aver praticato le manovre di primo soccorso ad un uomo coinvolto in un incidente stradale salvandogli la vita, per aver salvato una turista che rischiava di annegare in mare.

Ecco tutti i dati

Nell’ambito delle attività dell’Osservatorio Regionale sulla Sicurezza Urbana, Regione Liguria, in collaborazione con Anci e con il supporto del Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Genova, ha avviato nel marzo scorso una rilevazione sulla Polizia Locale, al fine di costruire una banca dati aggiornata.

L’indagine ha interessato l’85% degli addetti nelle diverse polizie municipali (1708 unità). Da una prima analisi dei dati, è emerso che il 26,4% dei Comandi locali conta più di 7 addetti ma il 34% dei Servizi di Polizia municipale è gestito da un singolo operatore. Il 37,4% dei Comuni svolge le attività previste in forma associata. Inoltre il 73% degli addetti è maschio, il 57,4% ha più di 50 anni e solo il 10% ha meno di 35 anni; solo il 10,4% ha un contratto a tempo determinato.

Il 77% degli addetti è agente e solo il 6% degli addetti svolge attività esclusivamente amministrativa; il personale con funzioni di comando e responsabilità costituisce il 3,5% del totale. È emerso inoltre che la dotazione di autoveicoli è di un mezzo ogni 5,5 addetti e di una moto o di un motociclo ogni 13 addetti; ogni 18,8 addetti è disponibile un dispositivo per la rilevazione degli alcolici. L’82,4% dei Comuni gestisce direttamente sistemi di videosorveglianza.

FORMAZIONE E CONTRASTO CONTRAFFAZIONE CUDE

Forte l’impegno di Regione anche sotto il profilo della formazione: a seguito dello sblocco del turn over per tutti i Comuni sopra i mille abitanti e in particolare delle assunzioni per il personale della Polizia Locale, Regioni Liguria e Lombardia hanno firmato un protocollo d’intesa con l’obiettivo di rafforzare la collaborazione sulla formazione soprattutto delle nuove leve, integrando così l’attività svolta dalla Scuola Interregionale di Polizia Locale di Modena, che, insieme all’Università degli Studi di Genova, organizza i corsi rivolti principalmente ai quadri e agli agenti già in servizio. Da questo punto di vista, è stata rafforzata la collaborazione con la Consulta regionale per l’Handicap per intensificare l’attività di contrasto alla contraffazione dei Cude, il Contrassegno unificato disabili europeo.

Ecco i dati di Imperia

Nel 2018 sono state elevate 218 sanzioni per sosta vietata sui posteggi disabili, 72 nel 2019. Tra il 2015 (anno di entrata in vigore del Cude) e il 2019, sono state effettuate 24 rimozioni e 6 ritiri di contrassegni per utilizzo improprio.

L’elenco di tutti gli Agenti di Polizia Locale premiati

PROVINCIA DI IMPERIA

Agente Roberto Ressia – Polizia Locale di San Lorenzo al Mare
Motivazione:“Il giorno 25 Aprile 2018, unico agente in servizio, interveniva e disarmava due volte aspirante suicida armato di coltello, evitando così estrema conseguenza e prestandogli successivamente soccorso. L’Agente Ressia ha dimostrato un’elevatissima dose di coraggio, oltre a un profondo senso di solidarietà e del dovere, nonché innegabili capacità professionali al servizio della collettività”

Assistente Ilenia Lanteri – Polizia Locale di Vallecrosia
Motivazione: “Per avere, nella giornata del 5 Ottobre 2018, nella Centrale di Via Aprosio, fuori servizio e con notevole sprezzo del pericolo che andava ad affrontare, assicurato alla giustizia, dopo un inseguimento di centinaia di metri, un noto pregiudicato resosi autore di un furto ai danni di un’anziana signora”

PROVINCIA DI SAVONA

Agente Alessandro Pomponi- Polizia Locale di Albenga
Motivazione: “Nel corso del 2018, si è distinto in numerose occasioni, per capacità, spirito d’iniziativa, impegno, abilità professionale e sprezzo del pericolo; congiuntamente o in collaborazione con altri colleghi ha effettuato un rilevante numero d’interventi nei confronti di persone responsabili di spaccio di sostanze stupefacenti e portato a termine operazioni di contrasto all’abusivismo commerciale e di repressione dei reati. Le operazioni si sono concluse con l’arresto dei responsabili e il sequestro di denaro e sostanze stupefacenti”.

Ispettore Andrea Spanu- Polizia Locale di Albenga
Motivazione:“Nel corso del 2018, si è distinto in numerose occasioni, per capacità, spirito d’iniziativa, impegno, abilità professionale e sprezzo del pericolo; congiuntamente o in collaborazione con altri colleghi ha effettuato un rilevante numero d’interventi nei confronti di persone responsabili di spaccio di sostanze stupefacenti e portato a termine operazioni di contrasto all’abusivismo commerciale e di repressione dei reati. Le operazioni si sono concluse con l’arresto dei responsabili e il sequestro di denaro e sostanze stupefacenti”.

Agente Vito Pezzano- Polizia Locale di Albenga
Motivazione: “Nel corso del 2018, si è distinto in numerose occasioni, per capacità, spirito d’iniziativa, impegno, abilità professionale e sprezzo del pericolo; congiuntamente o in collaborazione con altri colleghi ha effettuato un rilevante numero d’interventi nei confronti di persone responsabili di spaccio di sostanze stupefacenti e portato a termine operazioni di contrasto all’abusivismo commerciale e di repressione dei reati. Le operazioni si sono concluse con l’arresto dei responsabili e il sequestro di denaro e sostanze stupefacenti”.

Agente Raffaele Olmi – Polizia Locale di Albenga
Motivazione:“Nel corso del 2018, si è distinto in numerose occasioni, per capacità, spirito d’iniziativa, impegno, abilità professionale e sprezzo del pericolo; congiuntamente o in collaborazione con altri colleghi ha effettuato un rilevante numero d’interventi nei confronti di persone responsabili di spaccio di sostanze stupefacenti e portato a termine operazioni di contrasto all’abusivismo commerciale e di repressione dei reati. Le operazioni si sono concluse con l’arresto dei responsabili e il sequestro di denaro e sostanze stupefacenti”

Assistente Fabio Ferrari – Polizia Locale di Savona
Motivazione: “In data 23 Aprile 2017, in fase di sorveglianza di persona arrestata e ristretta presso le camere di sicurezza della locale Questura, si accorgeva del tentativo di suicidio posto in essere dall’arrestato, il quale stava tentando di impiccarsi; intervenendo prontamente, praticava alla persona i primi soccorsi, salvandogli la vita. L’Assistente Ferrari ha dimostrato attenzione nello svolgimento del compito affidato, prontezza operativa, senso civico e altruismo, con correlativo prestigio per il Corpo di appartenenza e per la Civica amministrazione”.

Agente Romualdo Caso – Polizia Locale di Loano
Motivazione: “Nel corso del 2018 si è particolarmente distinto portando a compimento un rilevante numero d’interventi, mantenendo costante nel tempo durante l’anno il suo impegno nella lotta allo spaccio di stupefacenti e all’abusivismo commerciale. Le operazioni di servizio hanno, tra l’altro, portato a 11 arresti per spaccio di stupefacenti, a 5 denunce a piede libero per lo stesso reato e a numerosi sequestri di sostanze stupefacenti e merce contraffatta”

PROVINCIA DI GENOVA

Commissario Giovanni Frattini – Polizia Locale di Genova
Motivazione: “E’ intervenuto prontamente in ausilio a una collega intenta al rilevamento d’incidente stradale dove il conducente di un’autovettura violentemente tamponata, risultava privo di sensi. Il Commissario, con grande lucidità e sangue freddo, tastava la carotide del conducente cercando di accertare la presenza del battito cardiaco che, al momento, appariva appena percettibile. Inclinava quindi il sedile e alzava il mento del ferito per favorirne la respirazione; tastando la carotide si accorgeva che il battito cardiaco era cessato. Nell’impossibilità di estrarre da solo la persona dall’abitacolo, reclinava completamente il sedile e iniziava a praticare un massaggio cardiaco alla persona fino al giungere dell’ambulanza e auto medica. Dallo stesso medico, poco dopo, si apprendeva che la manovra posta in essere aveva, di fatto, salvato la vita a quella persona che, ricoverata presso il Reparto di rianimazione dell’Ospedale Villa Scassi in prognosi riservata, veniva successivamente dimessa”

Commissario Massimo Gaggiolo – Polizia Locale di Genova
Motivazione: “Per avere, congiuntamente ad altro operatore, portato a termine con successo un intervento effettuato in un’abitazione dove una cittadina in stato di gravidanza, in agitazione psicomotoria e armata di cocci di vetro manifestava intenzioni suicide; intuendo il momento giusto per entrare in azione, monitorata pazientemente la delicatissima situazione, riusciva a disarmare, salvaguardando la sua integrità fisica, la paziente permettendo così al personale sanitario d’intervenire”

Sovrintendente Capo Claudio Barigione – Polizia Locale di Genova
Motivazione: “Per avere, congiuntamente ad altro operatore, portato a termine con successo un intervento effettuato in un’abitazione dove una cittadina in stato di gravidanza, in agitazione psicomotoria e armata di cocci di vetro manifestava intenzioni suicide; intuendo il momento giusto per entrare in azione, monitorata pazientemente la delicatissima situazione, riusciva a disarmare, salvaguardando la sua integrità fisica, la paziente permettendo così al personale sanitario d’intervenire”

Sovrintendente Capo Salvatore Pelle – Polizia Locale di Genova
Motivazione: “Il Sovr. Capo Salvatore Pelle – appartenente al Reparto di Polizia Giudiziaria e ambiente, specializzato nel ritrovamento di motocicli, provento di sottrazione per furto – nel 2018 ha rinvenuto nel territorio cittadino 90 motocicli. Le indagini poste in essere hanno consentito di giungere, in alcuni casi, all’individuazione del colpevole e hanno portato all’esecuzione di perquisizioni domiciliari e sequestri di natura penale”

PROVINCIA DELLA SPEZIA

Ispettore Alberto Frandi – Polizia Locale di Sarzana
Motivazione: “In data 27.7.2016, interveniva in una circostanza in cui un soggetto di origini extracomunitarie si era completamente cosparso il corpo e gli abiti di benzina, davanti al palazzo comunale, minacciando con la fiamma dell’accendino acceso che teneva in mano, di darsi fuoco, con movimenti del braccio oscillante ed in avvicinamento al corpo. In tale circostanza, l’Ispettore, dopo qualche tentativo verbale, senza esito, effettuava fisicamente manovra di bloccaggio, mettendo a rischio la propria vita ed evitando che tale azione potesse compiersi”

Agente Scelto Barbara Varini – Polizia Locale di La Spezia
Motivazione: “Nel periodo in cui era in congedo nella località balneare di Bonassola, nel tardo pomeriggio di una giornata con condizioni meteorologiche particolarmente avverse e con il mare in burrasca, si trovava sulla spiaggia libera e notava quattro giovani turisti stranieri che, sottovalutando la forza del mare e delle onde, erano comunque entrati in acqua. L’Agente, allorquando realizzava che una dei quattro ragazzi, a differenza dei compagni che faticosamente erano riusciti a guadagnare la riva, annaspava ancora al largo sino ad esaurire le forze rimanendo riversa con il volto sommerso tanto da impedirle di respirare, senza esitare metteva a repentaglio la sua stessa incolumità e si tuffava per raggiungere la giovane turista ormai priva di sensi riportandola a riva ove veniva prontamente rianimata e affidata alle cure della Pubblica Assistenza nel frattempo allertata dagli astanti. Fatto avvenuto nel Luglio 2018”