Video Festival Imperia: oltre 400 studenti a conferenza su problematiche inquinamento marino. “Immenso patrimonio che va tutelato”/Foto e Video

Attualità Imperia

Presenti anche due ragazzi del Polo Tecnologico Imperiese che hanno mostrato agli studenti in sala un videogioco da loro ideato e realizzato, in collaborazione con gli alunni delle classi IV e V dell‘Istituto Comprensivo Boine

Oltre 400 ragazzi delle scuole di Imperia, hanno affollato questa mattina l’Auditorium della Camera di Commercio per assistere alla conferenza “Mai come adesso… il mare”, dedicata alle valenze naturalistiche e alle problematiche della sicurezza e dell’inquinamento marino. L’incontro con gli studenti rientra nell’ambito della manifestazione Video Festival Imperia.

Ad aprire la conferenza, dopo i saluti dell’assessore all’ambiente Marcella Roggero, il comandante in seconda della Guardia Costiera di Imperia, Sergio Maria Peluso, che ha presentato un volantino su sicurezza e sostenibilità del mare.

La conferenza è proseguita con la proiezione di un video dedicato alle bellezze naturalistiche del mare di Imperia, commentato dalla biologa marina Monica Previati e dalla vicepresidente dell’ass. Informare e video-operatrice subacquea Susanna Manuele.

Presenti anche due ragazzi del Polo Tecnologico Imperiese che hanno mostrato agli studenti presenti in sala un videogioco da loro ideato e realizzato, in collaborazione con gli alunni delle classi IV e V dell‘Istituto Comprensivo Boine (plesso “A. Magliano”).

A concludere la conferenza Alessandro Bellotti che, in rappresenta del comitato m’IMporta, ha presentato la pulizia delle spiagge, in programma sabato 18 maggio.

Monica Previati – biologa marina

“Oggi 400 studenti saranno presenti qua ad ascoltate ed interagire con l’associazione Informare e con molte altre realtà, la Capitaneria di Porto, il Polo Tecnologico Imperiese e l’associazione m’Importa, per collaborare e partecipare a questa giornata dedicata al mare, che nasce grazie alla collaborazione fra più istituzioni e fra più realtà.

Oggi parleremo della biodiversità e delle valenze naturalistiche del mare di Imperia , sarà una giornata dedicata non soltanto al mare, ma alla città di Imperia, al mare di Imperia e all’importanza di tutelare questo immenso patrimonio che magari talvolta non conosciamo con sufficienza.

Tutto questo grazie soprattutto alla disponibilità e al patrimonio di immagini e di conoscenza dell’associazione Informare. Siamo tutti molto contenti di questa realtà che si sta instaurando, di interazione e di coinvolgimenti reciproci per andare verso alla tutela e la valorizzazione dell’ambiente marino e soprattutto del mare di Imperia”.

Susanna Manuele – vicepresidente dell’ass. Informare

Informare si rivolge sempre a tutti, ma ai ragazzi in maniera speciale. Rappresentano il futuro.

Questo patrimonio immenso di immagini non avrebbe alcun valore se non fosse condiviso. La condivisione attraverso al conoscenza, la spiegazione anche minima di quello che abbiamo è assolutamente necessaria.

Vogliamo in qualche maniera che le persone si innamorino del mare e del territorio”.

Sergio Maria Peluso – Guardia Costiera

“Chi ama il mare lo protegge, oggi siamo difronte ad un mare sempre più fragile, un mare antropizzato.

Un mare che bisogna tutelare. Noi , assieme all’associazione Informare abbiamo realizzato un progetto che si innesta in una campagna di educazione ambientale ben più ampia, una campagna che è stata promossa dal Ministero dell’Ambiente e che viene divulgata anche presso il Comando generale della Capitaneria di Porto.

Nell’ambito di questo contesto di educazione ambientale abbiamo realizzato un volantino, S.O.S. che è un acronimo che utilizziamo spesso e volentieri.

A volte chi lancia l’S.O.S. è il mare, è un mare che ha bisogno di protezione perchè è sempre più oggetto di discarica piuttosto che di un utilizzo civile del mare.

La Guardia Costiera che si occupa sin da sempre a protezione civile del mare e quindi anche della tutela ambientale si impegna diuturnamente alla tutela del mare e soprattutto di questa porzione del mare , del mare imperiese, è quella porzione che si affaccia sul santuario Pelagos, conosciuto da tutti come il Santuario dei Cetacei , il santuario più grande del mediterraneo”.

Stefano Chicco e Andrea Posto studenti del Polo Tecnologico Imperiese

“Abbiamo utilizzato un programma gratuito chiamato Scratch che è molto utile per chi sta iniziando a programmare. Adatto per i bambini con cui abbiamo collaborato, quelli di 4ª e 5ª.

È composto da blocchi che vanno uniti insieme per creare un puzzle , per fare in modo che ad ogni blocco venga associata una azione che verrà riprodotta dall’oggetto, dall’animale o da quello che inseriamo all’interno del gioco.

Abbiamo creato questo gioco ispirandoci al fatto che alcuni scienziati hanno scoperto l’esistenza di un enzima che può mangiare la plastica.

Abbiamo rappresentato questo enzima con un vermetto che dovrà, all’interno del videogioco, mangiare i pesci-plastica e lasciare vivere i pesci reali, che dovranno continuare a vivere intatti dalla plastica che è il loro male.

Abbiamo impiegato due settimane, ogni settimana andavamo un giorno nelle classi alle elementari , giorni prima provavamo quello che dovevamo far fare ai bambini”.

Elisabetta Bianchi – Dirigente Scolastico

“È un gioco che hanno ideato e realizzato in collaborazione con i bambini della scuola primaria dell’I.C. Boine che io dirigo.

È da tempo che desidero fare in modo che le competenze dei più grandi siano trasmesse ai più piccoli, ci siamo riusciti. Questo gioco che è stato realizzato ha visto la collaborazione di entrambi, in orario di scuola.

È un successo perchè sono stati entrambi coinvolti su una tematica, il mare che è molto importante e che rientra nella tematica della cittadinanza e costituzione, rispetto per l’ambiente e quindi li ha visti protagonisti ancora una volta , assieme ai compagni più grandi.

I ragazzi dell’Itis che hanno le competenze informatiche, hanno messo a disposizione le loro conoscenze perchè anche i bambini piccoli potessero tramite i disegni realizzare un prodotto che li vede entrambi protagonisti.

Una conoscenza e uno studio approfondito dell’ambiente marino che va tutelato, le coste e il mare hanno una parte importante nella nostra Provincia e nella nostra Regione e poi ci saranno sviluppi futuri anche dal punto di vista informatico.

Secondo me oggi più che mai è bene abituare i ragazzi a saper utilizzare le conoscenze tecnologiche in maniera costruttiva e consapevole”.

Alessandro Bellotti – comitato m’IMporta

Sabato è la nostra 7ª edizione di pulizia delle spiagge, l’anno scorso abbiamo coinvolto 8 comuni ed è stata la pulizia delle spiagge più grande di Italia e ha sensibilizzato un sacco di persone.

Quest’anno sono 16 Comuni e per la prima volta abbiamo una pulizia delle spiagge della Provincia di Imperia. Tutti i comuni costieri parteciperanno.

La sensibilizzazione è la cosa che ci interessa, pulire la spiaggia in una giornata è un gesto significativo, non significa riuscire a tenerla pulita per un anno. Serve a sensibilizzare le persone ad avere un comportamento nei confronti dei rifiuti totalmente diverso.

È anche un gesto simbolico, essendo noi una Provincia turistica. Stiamo per accogliere i turisti e vogliamo dare un segnale di benvenuto tenendo le spiagge pulite per noi e per voi”.

Auditorium della Camera di Commerio gremito per la conferenza sulla tutela del mare


Segui Imperiapost anche su: