Diano Marina: l’incompiuta nel degrado, la denuncia di “Diano Riparte”. “Un pericolo per chi vi transita”/Le immagini

Golfo Dianese Politica

Al posto di fare proclami di decoro urbano imminente non sarebbe bene pensare a sanare il sanabile nelle zone e nei comparti che hanno necessità di urgenza? – domanda Diano Riparte all’amministrazione Chiappori

“Mentre nell’ultimo periodo è un susseguirsi da parte del Comune di Diano Marina di annunci di opere pubbliche le più svariate, forse nel tentativo da parte di qualche amministratore di crearsi un buon terreno per aprire la prossima campagna elettorale, nessuno parla dei lavori più indispensabili – Così in una nota stampa il gruppo di opposizione consiliare Diano Riparte.

“La gente è più che mai incredula – prosegue Diano RiparteLe più importanti priorità, infatti, da questo elenco di lavori, sembrano passare in cavalleria, paiono ignorate.

Per risolvere il problema dell’acqua e quello delle fogne i cui aromi ogni sera si avvertono prepotenti sulla via Aurelia, ci sono soltanto riunioni di sindaci che lasciano il tempo che trovano, né progetti, né appalti.

E della strada a mare la più suggestiva arteria ciclo-pedonale della Liguria, vanto dei dianesi e degli imperiesi ci si è – a quanto pare – addirittura dimenticati. Eppure si parla di una attrazione che non ha eguali in Liguria.

Quel meraviglioso tragitto che corre alla base di Capo Berta e che ha una storia che affonda le radici nell’epoca napoleonica, conosciuta da tutti contornata dal mare e dalla classica macchia mediterranea nei suoi 3 mila 796 metri di lunghezza oggi, come oggi, presenta un aspetto da brivido.

Ringhiere abbattute con pericolo per chi transita, fili di ferro che sbucano da ogni parte, erbacce e sporcizia contornano la carreggiata, in parte diventata un parcheggio quasi sempre deserto, pali della luce senza plafoniere, motociclisti abusivi ignoranti dei divieti.

Al posto di fare proclami di decoro urbano imminente non sarebbe bene pensare a sanare il sanabile nelle zone e nei comparti che hanno necessità di urgenza?“.

Segui Imperiapost anche su: