Chiusanico esce dall’Unione dei Comuni della Valmerula e Montarosio. “Servizi inadeguati”

Entroterra Politica

In particolare, per quanto riguarda l’ultimo punto all’ordine del giorno il Sindaco ha illustrato i motivi per cui l’Amministrazione Comunale di Chiusanico intende uscire dall’Unione

Ieri, mercoledì 12 giugno 2019, alle ore 18 si è svolto il primo Consiglio Comunale del Comune di Chiusanico, dopo le elezioni del 26 maggio scorso.

Sono stati trattati i seguenti punti all’ordine del giorno:

  1. Esame degli eletti alla carica di Sindaco e di Consigliere Comunale e delle condizioni di
    eleggibilità e di incompatibilità di ciascuno di essi ai sensi degli articoli 40 e 41 del
    D.Lgs. n.267 del 18 agosto 2000;
  2. Giuramento del Sindaco ai sensi dell’art.50 del D.Lgs. n.267 del 18.08.2000;
  3. Comunicazioni del Sindaco sulla nomina degli Assessori e del Vice-Sindaco (Artt. 40 e
    46 del D.Lgs. n.267/2000);
  4. Presentazione delle linee programmatiche dell’azione di governo dell’Ente
  5. Definizione degli indirizzi per la nomina e la designazione dei rappresentanti del
    Comune presso Enti, Aziende ed Istituzioni ai sensi dell’art. 42, comma 2, lett. m) del
    D.Lgs. n.267 del 18 agosto 2000;
  6. Nomina della Commissione Elettorale Comunale ai sensi dell’art.41, comma 2, del
    D.Lgs. n.267/2000;
  7. Nomina della Commissione per l’aggiornamento degli Elenchi comunali dei Giudici
    Popolari.
  8. Recesso del Comune di Chiusanico dall’Unione dei Comuni Valmerula e
    Montarosio

In particolare, per quanto riguarda l’ultimo punto all’ordine del giorno il Sindaco ha illustrato i motivi per cui l’Amministrazione Comunale di Chiusanico intende uscire dall’Unione.

Recesso del Comune di Chiusanico dall’Unione dei Comuni Valmerula e Montarosio: il commento del sindaco Giovanni Agnese

“I motivi per cui proponiamo l’uscita dall’Unione dei Comuni Valmerula e Montarosio sono fondamentalmente due: il primo è perché noi riteniamo che una amministrazione debba essere costituita ed abbia motivo di esistere solo se è posta a servizio di una collettività. Ma la popolazione di Chiusanico, oltre i confini del proprio comune, costituisce una effettiva comunità con la popolazione degli altri Comuni della Valle Impero e con Imperia stessa, che è il nostro capoluogo di riferimento, piuttosto che con la popolazione della Valmerula.

Questa è la realtà storica ed attuale, nonché la prospettiva futura, determinata dalla conformazione geografica del nostro territorio che è posto nella Valle Impero e quindi ha sempre favorito l’instaurarsi di intensi rapporti sociali ed economici fra le persone all’interno di questo bacino naturale.

Il secondo motivo deriva dal fatto che in questi pochi anni di costituzione dell’Unione dei Comuni della Valmerula abbiamo potuto constatare la inadeguatezza dei servizi svolti.

Infatti il Comune di Chiusanico ha trasferito all’Unione quasi tutte le funzioni che fanno capo al Comune, l’espletamento delle quali è avvenuto attraverso un meccanismo burocratico, tipico dei comuni di maggiori dimensioni, ma assolutamente inadeguato ai piccoli comuni.

Noi riteniamo, invece, che la ragione di esistere dei piccoli comuni sia quella di consentire uno stretto collegamento fra gli Amministratori e la popolazione affinché gli stessi siano in grado di dare risposte certe, rapide, ed soprattutto adeguate alle difficili realtà locali.

Per questi motivi troviamo giusto uscire dall’Unione dei Comuni, restituendo piena sovranità al Comune di Chiusanico, in modo tale che possa riprendere a svolgere in pieno le proprie funzioni a servizio del cittadino.”

A queste dichiarazioni ha fatto seguito la votazione che ha approvato, all’unanimità, l’uscita del Comune di Chiusanico dall’Unione dei Comuni della Valmerula e Montarosio

Segui Imperiapost anche su: