Imperia: “furbetti” reddito di cittadinanza, interviene assessore regionale Berrino. “Favorisce lavoro in nero”

Politica

L’assessore regionale al Lavoro e alle Politiche Attive dell’Occupazione Gianni Berrino commenta il fatto di cronaca relativo alle persone denunciate nell’imperiese che lavoravano in nero pur percependo il reddito di cittadinanza

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

L’assessore regionale al Lavoro e alle Politiche Attive dell’Occupazione Gianni Berrino commenta il fatto di cronaca relativo alle persone denunciate nell’imperiese che lavoravano in nero pur percependo il reddito di cittadinanza.

“Innanzitutto mi complimento con i carabinieri del Nucleo Ispettorato del lavoro di Imperia per il lavoro svolto – afferma Berrino – Il caso dei ‘furbetti’ scoperti conferma ciò che abbiamo sempre detto: il reddito di cittadinanza favorisce il lavoro nero. Come assessorato sono più di tre mesi che inseguiamo un ordine ed un senso nelle procedure che si fanno molta fatica a realizzare in quanto questo Governo ha deciso di partire in fretta e furia con il reddito di cittadinanza.

L’informatizzazione della misura, che coinvolge principalmente Anpal, l’Inps e le Regioni, ancora non è compiuta: per cui ad esempio non è ancora possibile sanzionare chi non rispetta gli obblighi. La conseguenza è che viene elargito il reddito senza un percorso definito per la ricerca del lavoro da rispettare”.

“Ad oggi con uno sforzo non da poco – prosegue Berrino – in provincia di Imperia (e allo stesso modo anche nelle altre province liguri) abbiamo convocato oltre 300 beneficiari del reddito di cittadinanza a specifici seminari esplicativi organizzati con Anpal nei nostri tre Centri per l’Impiego.

Liguria Digitale sta facendo un grande lavoro per rendere gestibili gli oltre 2 mila beneficiari liguri (ma questo numero è destinato ovviamente a crescere in futuro) comunicati ad oggi da Anpal. È da rimarcare anche il fatto che sui territori stanno facendo tutto le Regioni con i propri operatori in quanto i ‘navigator’ ancora non ci sono e che saranno operativi solo dopo una formazione che, data la sua ridicola brevità, non potrà che essere superficiale”.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!