Dolcedo, Monte Faudo: implementata la Rete Escursionistica della Liguria con nuovi tracciati e cartelli

Attualità Entroterra

A tal proposito il Comune di Dolcedo informa e ricorda a tutti che è assolutamente vietato percorrere sentieri, prati e boschi dell’area del Faudo con qualsiasi mezzo a motore

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

Il Comune di Dolcedo nel 2018 ha istituito l’Area Naturalistica del Monte Faudo nell’ambito del territorio comunale. Iniziando così un lavoro di riqualificazione e tutela del patrimonio naturalistico e paesaggistico di un’area montana di grande pregio, da valorizzare e promuovere anche in chiave turistica per attività outdoor legate al trekking, alle passeggiate a cavallo o in bicicletta.

Per questo è stata implementata la Rete Escursionistica della Liguria – R.E.L. con nuovi tracciati e sono stati posizionati i cartelli per il divieto di transito con mezzi a motore lungo i sentieri, nel bosco e sui prati.

Anche quest’anno, durante i week-end fino a metà settembre, i motociclisti si occuperanno di segnalare la presenza di eventuali roghi per favorire il rapido intervento. Questa attività di controllo e monitoraggio del territorio si va quindi ad affiancare a quella svolta dalle molte persone che frequentano l’area del Monte Faudo a piedi, a cavallo o in bicicletta.

A tal proposito il Comune di Dolcedo informa e ricorda a tutti che è assolutamente vietato percorrere sentieri, prati e boschi dell’area del Faudo con qualsiasi mezzo a motore, invitando a segnalare alle Forze dell’Ordine pratiche scorrette rispetto a quanto in vigore.

I mezzi a motore possono pertanto transitare, con il limite di 20 km/h, esclusivamente sulla strada principale che porta in cima al Faudo.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!