Crisi del petrolio e aumento dei prezzi, la preoccupazione di Coldiretti Liguria. “A subirne gli effetti anche il sistema agroalimentare”

Provincia

A rimetterci sono le rotte commerciali che negli ultimi anni hanno favorito l’export agroalimentare italiano, compreso quello ligure

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

Con lo schizzare alle stelle delle quotazioni del petrolio e il conseguente rincaro dei carburanti si teme un effetto valanga sulla spesa, con un aumento dei costi di trasporto, oltre che di quelli di produzione, trasformazione e conservazione, in un Paese come l’Italia dove l`85% dei trasporti commerciali avviene su strada.

A rimetterci sono le rotte commerciali che negli ultimi anni hanno favorito l’export agroalimentare italiano, compreso quello ligure dove il valore ha raggiunto i 180milioni di euro nel I semestre 2019.

E’ quanto afferma Coldiretti Liguria, su base dati Istat relativi al primo semestre 2019 per i settori agricoltura silvicoltura e pesca, nel commentare le possibili conseguenze al rincaro record delle quotazioni del petrolio dopo l’attacco alle raffinerie saudite di Saudi Aramco.

L’aumento è destinato a contagiare l’intera economia perché se salgono i prezzi del carburante si riduce il potere di acquisto degli italiani che hanno meno risorse da destinare ai consumi mentre aumentano i costi per le imprese.

Il Presidente di Coldiretti Liguria Gianluca Boeri e il Delegato Confederale Bruno Rivarossa

“A subire gli effetti dei prezzi dei carburanti – affermano il Presidente di Coldiretti Liguria Gianluca Boeri e il Delegato Confederale Bruno Rivarossa – è anche l’intero sistema agroalimentare dove, ad esempio, i costi della logistica arrivano ad incidere dal 30 al 35% sul totale dei costi per frutta e verdura.

Questo fatto potrebbe portare ad una brusca frenata di uno dei pochi settori economici che continua costantemente a crescere anche grazie alla fama acquisita dai prodotti italiani all’estero che si sono fatti largo nel panorama mondiale per qualità e distintività di produzioni.

Inoltre gli shock energetici aggravano un deficit logistico che è necessario recuperare investendo sulle energie alternative e sbloccando le infrastrutture che migliorerebbero i collegamenti tra Sud e Nord del Paese, ma anche con il resto del mondo per via marittima e ferroviaria in alta velocità con una rete di snodi composta da aeroporti, treni e cargo.

A livello locale per ottimizzare la spesa, ottenere il miglior rapporto prezzi-qualità e aiutare il proprio territorio e l’occupazione, il nostro consiglio è quello di verificare l’origine nazionale, acquistare prodotti locali che non devono subire grandi spostamenti, e dove possibile comprare direttamente dagli agricoltori nei mercati Campagna Amica Liguria o presso le aziende”.

C.S.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!