Tenco 2019: la rassegna della musica d’autore vista con gli occhi del discografico imperiese Stefano Senardi. “Da sempre legato a questo evento” / Le immagini

Rubriche

Prenderà il via giovedì 17 ottobre  la 43esima edizione del Premio Luigi Tenco, la kermesse musicale di tre giorni dedicata alla canzone d’autore italiana.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione





 

Aiutateci ad informarvi!

Prenderà il via giovedì 17 ottobre  la 43esima edizione del Premio Luigi Tenco, la kermesse musicale di tre giorni dedicata alla canzone d’autore italiana.

Tenco 2019: al via il 17 ottobre a Sanremo

Il programma della rassegna è stato presentato durante la conferenza stampa, svoltasi a Milano alcuni giorni fa, a cui ha partecipato anche il discografico imperiese Stefano Senardi, da 6 anni nel direttivo della manifestazione.

Proprio per l’occasione, Senardi ha deciso di raccontare a ImperiaPost come si è avvicinato a questa importante kermesse della musica italiana e come l’evento è cambiato nel tempo.

Sanremo, il Tenco visto con gli occhi di Stefano Senardi

Da quanto è legato al Premio Tenco?

“Da sempre, si può dire. Ho frequentato il Tenco prima come spettatore, dai tempi dell’ultimo anno delle scuole medie e del Liceo, e poi come discografico da adulto. Mi è sempre piaciuto.

Il creatore fu Amilcare Rambaldi. Fu anche l’inventore del Festival di Sanremo. Dopo la morte di Tenco, decise di fondare il club a suo nome e la rassegna. All’epoca dei cantautori c’era molta solidarietà per l’artista scomparso e aderirono in massa. Il clima, oggi come allora, è molto bello e di unione. Gli artisti, infatti, vengono più o meno con un rimborso spese. C’è sempre stato un contributo del Comune di Sanremo, anche se, purtroppo, quest’anno è stato inspiegabilmente ridotto, più i contribuiti di varie associazioni di categoria, come Siae, Imaie, eccetera, e qualche sponsor locale.

Mi son avvicinato al Tenco portando, sempre con più rimborso spese, Joni Mitchell che fece insieme al marito una performance fantastica. Era un periodo che si esibiva pochissimo, ma aveva capito l’importanza di questa associazione culturale.

Grazie a quell’episodio mi ero conquistato la “gloria” all’interno del direttivo”.

Qual è il momento più bello della rassegna?

“Sicuramente quello più divertente è il “Dopo Tenco”, dove si mangia tutti insieme, si canta, si suona, si condivide.

Mi è capitato di vedere e di partecipare alle spettacolari jam session, con musicisti del calibro di Stefano Bollani al pianoforte, e artisti come Battiato, De Gregori, Guccini. Sono serate che durano fino all’alba. Gli artisti che sono stati alla 3 giorni si esibiscono insieme per puro divertimento, in modo del tutto inedito.

È sempre stato un vero e proprio momento di grande spettacolo e divertimento, soprattutto tra gli anni 70 e gli anni 90. Partecipano, come sostenitori, anche comici, attori, scrittori. È un’occasione di grande socializzazione”.

Com’è cambiato il mondo della musica nel tempo? E come si riflette sul Tenco?

“Io sono socio da più di 10 anni e nel direttivo da 6, circa. Credo di aver contribuito alla rassegna, di aver portato molti artisti, di aver convinto anche quelli che avevano abbandonato il Tenco a tornare e di aver spiegato che il mondo sta cambiando. Tutto è cambiato in questi ultimi anni. Si sono mischiate le carte. Anche al Tenco, quindi, è giusto che ci siano personaggi come Achille Lauro. Dobbiamo essere aggiornati al passo con i tempi e invitare artisti vicini ai giovani.

Lo scorso anno c’era Lo Stato Sociale, e lo stesso anno stesso anno il gruppo è stato al Concerto del Primo Maggio e al Festival di Sanremo. Bisogna avere sempre gli occhi aperti ed essere disponibili a tutto ciò che è serio e di qualità”.

Cosa ci può dire sui vincitori di quest’anno?

“Molto importate è il fatto che tra i premiati quest’anno ci sia Pino Donaggio, autore successi mondiali, protagonista al Festival di Sanremo 10 volte, sia come cantante che come autore. Questa volta verrà riproposto con cantati donne giovani, ovvero Nina Zilli, Levante e Petra Magoni, accompagnate dagli Gnu Quartet. Donaggio è stato felice di essere invitato e premiato, quasi non ci credeva.

Premiati anche Eric Burdon, ex leader degli Animals, leggenda vivente del rock, Gianna Nannini, che ha avuto i suoi esordi proprio al Tenco e che è la grande interprete rock che tutti conosciamo, e Franco Fabbri, musicista, musicologo e leader degli Stormy Six.

Abbiamo invitato anche Gaetano Curreri, cantautore, tastierista e arrangiatore, leader del gruppo musicale Stadio, abbiamo deciso di premiare le sue capacità professionali con gli Stadio, ma anche al fianco di Vasco e di Lucio Dalla.

In più ci saranno tantissimi grandi ospiti, come Ron e tanti altri, e i vincitori delle targhe, come Vinicio Capossela e Daniele Silvestri, che sarà sul palco insieme a Rancore e Manuel Agnelli. 

Achille lauro aprirà la rassegna e questo mi sembra un segnale bellissimo di rinnovamento che stiamo vivendo”.

Il Tenco, però, non è solo la rassegna sul palco dell’Ariston.

“Assolutamente no. Ci sono più di 30 eventi eventi collaterali, che sono parte integrante della manifestazione. Come le mostre al forte di Santa Tecla, le mostre del Casinò, interessantissime attività, come dibattiti, concerti, incontri all’ex Chiesa di Santa Brigida alla Pigna e nella sede del Tenco all’ex stazione ferroviaria di Sanremo, mostre di fumetti, presentazioni di libri per tutta la città. 

Dopo il successo enorme dello scorso anno per la masterclass su Giorgio Gaber, quest’anno abbiamo organizzato per la giornata di mercoledì 16 ottobre, dalle 10.30 alle 12.30, dentro al teatro Ariston, un incontro rivolto a 1.800 studenti delle scuole della zona, con musicisti, giornalisti, critici per parlare di Fabrizio de Andrè. Ci saranno Michele Serra, Dori Ghezzi, Vittorio De Scalzi, Morgan”.

Sanremo, Tenco 2019: ecco il programma

MERC 16/10
TEATRO ARISTON ORE 10.30
MASTERCLASS SU FABRIZIO DE ANDRÉ
DORI GHEZZI, MICHELE SERRA, VITTORIO DE SCALZI, MORGAN, MAURO PAGANI

EX – CHIESA SANTA BRIGIDA (PIGNA) ORE 18.30
ALESSIO LEGA & GUIDO BALDONI

FORTE DI SANTA TECLA ORE 21
SON ET LUMIÈRE E INAUGURAZIONE MOSTRA
MARCO NEREO ROTELLI

GIO 17/10
TEATRO ARISTON ORE 21
VINICIO CAPOSSELA – ENZO GRAGNANIELLO
FULMINACCI – ALESSIO LEGA
DANIELE SILVESTRI, MANUEL AGNELLI, RANCORE
(vincitori delle Targhe Tenco)

ACHILLE LAURO
PEPPE VOLTARELLI & ALESSANDRO D’ALESSANDRO

EX – CHIESA SANTA BRIGIDA (PIGNA) ORE 18.30
GIANGILBERTO MONTI

VEN 18/10
TEATRO ARISTON ORE 21
SERGIO CAMMARIERE – STADIO – RON
PETRA MAGONI & FRIDA BOLLANI MAGONI
PEPPE VOLTARELLI & ALESSANDRO D’ALESSANDRO
LEVANTE, PETRA MAGONI, NINA ZILLI, GNU QUARTET
(omaggio a Pino Donaggio Premio Tenco 2019) –
ERIC BURDON (Premio Tenco 2019)

EX – CHIESA SANTA BRIGIDA (PIGNA) ORE 18.30
ERNESTO BASSIGNANO

SABATO 19 OTTOBRE
TEATRO ARISTON ORE 21
ROBERTO BRIVIO – DAVID RIONDINO
SIMONA COLONNA – MIMMO LOCASCIULLI
PEPPE VOLTARELLI & ALESSANDRO D’ALESSANDRO
FRANCO FABBRI (Premio Tenco 2019)
GIANNA NANNINI (Premio Tenco 2019)
————————————-
EX – CHIESA SANTA BRIGIDA (PIGNA) ORE 18.30
CLAUDIA CRABUZZA

PRESENTAZIONI: ANTONIO SILVA e MORGAN (Teatro Ariston)
STEVEN FORTI (Santa Brigida)
————————————-
16-17-18-19 OTTOBRE
SEDE, EX – STAZIONE ORE 12
CONFERENZE STAMPA CON GLI ARTISTI
MOSTRA DI FUMETTI DI LARRY CAMARDA
SEDE EX – STAZIONE ORE 15

Relazioni di
DANIELA BONANNI – MICAELA BONAVIA – PAOLO DAL BON – GIULIA DE FLORIO – FRANCO FABBRI – MIMMO FERRARO – PAOLO FINZI – NINI GIACOMELLI – TERESA GUCCINI – ALESSIO LEGA – LORENZO LUPORINI – MASSIMO POGGINI – ALESSANDRO PORTELLI – CLAUDIO RICORDI – DAVID RIONDINO – BOBO RONDELLI – MARCO NEREO ROTELLI -SERGIO SECONDIANO SACCHI – SERGIO STAINO – PAOLO TALANCA – JACOPO TOMATIS

INTERVENTI MUSICALI:
OLDEN – BOBO RONDELLI – MASSIMO SCHIAVON

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione





 

Aiutateci ad informarvi!