Festival di Sanremo: scoppia caso rimborsi gonfiati, nel mirino della Guardia di Finanza dipendenti RAI, albergatori e ristoratori

Attualità Imperia

Secondo quanto emerso, l’inchiesta della Guardia di Finanza di Imperia, partita da un esposto anonimo, riguarderebbe le edizioni del 2013, 2014 e 2015.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

Fatture gonfiate per ottenere rimborsi più alti. È questo il caso scoppiato nell’ambito dell’organizzazione del Festival di Sanremo, a poche settimane dell’avvio della 70ª edizione.

Festival di Sanremo: inchiesta su fatture gonfiate

Sono circa 50 gli avvisi di garanzia nei confronti di dipendenti RAI, albergatori e ristoratori sanremesi che sono stati notificati dal Pm Alberto Pioletti della Procura di Roma.

Secondo quanto emerso, l’inchiesta della Guardia di Finanza di Imperia, partita da un esposto anonimo, riguarderebbe le edizioni del 2013, 2014 e 2015.

L’accusa per i dipendenti è quella di aver richiesto fatture “gonfiate” ad albergatori e ristoratori per ottenere rimborsi più alti rispetto a quanto effettivamente pagato, per un totale di circa 100 mila euro di introiti illeciti.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!