Imperia: sabato 14 dicembre al Museo Carlo Carli la conferenza sulla prevenzione dell’Alzheimer

Cultura e manifestazioni

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione   Aiutateci ad informarvi! Si terrà sabato 14 dicembre, dalle 15.30 alle 17 presso la sala conferenze del Museo Carlo Carli, in via Garessio 11 , la conferenza a ingresso libero “malattia di alzheimer: si previene con la dieta mediterranea e un cuore sano” , organizzata dalla Società Operaia […]

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione





 

Aiutateci ad informarvi!

Si terrà sabato 14 dicembre, dalle 15.30 alle 17 presso la sala conferenze del Museo Carlo Carli, in via Garessio 11 , la conferenza a ingresso liberomalattia di alzheimer: si previene con la dieta mediterranea e un cuore sano” , organizzata dalla Società Operaia Dott. Raineri di via Carducci, in collaborazione con la F.lli Carli di Imperia.

“L’Alzheimer si può prevenire –  spiega il prof. Massimo Tabaton, prof. di neurologia che studia la malattia di Alzheimer da oltre 20 anni – non esistendo ancora farmaci in grado di frenare la progressione dell’Alzheimer, è fondamentale poter agire sulla prevenzione. È possibile ridurre il rischio di sviluppare questa grave patologia, che attualmente colpisce 47 milioni di persone nel mondo , 700 mila circa in Italia, attraverso l’adozione di una dieta appropriata e uno stile di vita adeguato” .

Il prof. Tabaton presenterà studi scientifici, riportati anche nel suo ultimo libro “la dieta Anti-Alzheimer” (Giunti editore), scritto in collaborazione con Cinzia Cuneo – fondatrice e presidente di SOS Cuisine – che dimostrano come l’adozione di un corretto stile di vita possa ridurre del 30% il rischio di sviluppare l’Alzheimer.

Proseguirà poi il Dr. Roberto Mureddu, S.C. Cardiologia ASL 1 Imperiese, per spiegare perchè è importante prendersi cura del proprio cuore anche al fine di prevenire l’insorgere della demenza.

“Fumo, ipertensione, colesterolo alto, diabete e sovrappeso compromettono i vasi sanguigni – ci spiega il dottor Mureddunon da ultimo nel cervello. Aumentano, dunque, il rischio di infarto e ictus. Non solo: in base ad alcune ricerche, le malattie vascolari e i disturbi circolatori sono la seconda causa più frequente dopo il morbo di Alzheimer“.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione





 

Aiutateci ad informarvi!