Imperia: sabato 14 dicembre al Museo Carlo Carli la conferenza sulla prevenzione dell’Alzheimer

Cultura e manifestazioni

Si terrà sabato 14 dicembre, dalle 15.30 alle 17 presso la sala conferenze del Museo Carlo Carli, in via Garessio 11 , la conferenza a ingresso libero “malattia di alzheimer: si previene con la dieta mediterranea e un cuore sano” , organizzata dalla Società Operaia Dott. Raineri di via Carducci, in collaborazione con la F.lli […]

Si terrà sabato 14 dicembre, dalle 15.30 alle 17 presso la sala conferenze del Museo Carlo Carli, in via Garessio 11 , la conferenza a ingresso liberomalattia di alzheimer: si previene con la dieta mediterranea e un cuore sano” , organizzata dalla Società Operaia Dott. Raineri di via Carducci, in collaborazione con la F.lli Carli di Imperia.

“L’Alzheimer si può prevenire –  spiega il prof. Massimo Tabaton, prof. di neurologia che studia la malattia di Alzheimer da oltre 20 anni – non esistendo ancora farmaci in grado di frenare la progressione dell’Alzheimer, è fondamentale poter agire sulla prevenzione. È possibile ridurre il rischio di sviluppare questa grave patologia, che attualmente colpisce 47 milioni di persone nel mondo , 700 mila circa in Italia, attraverso l’adozione di una dieta appropriata e uno stile di vita adeguato” .

Il prof. Tabaton presenterà studi scientifici, riportati anche nel suo ultimo libro “la dieta Anti-Alzheimer” (Giunti editore), scritto in collaborazione con Cinzia Cuneo – fondatrice e presidente di SOS Cuisine – che dimostrano come l’adozione di un corretto stile di vita possa ridurre del 30% il rischio di sviluppare l’Alzheimer.

Proseguirà poi il Dr. Roberto Mureddu, S.C. Cardiologia ASL 1 Imperiese, per spiegare perchè è importante prendersi cura del proprio cuore anche al fine di prevenire l’insorgere della demenza.

“Fumo, ipertensione, colesterolo alto, diabete e sovrappeso compromettono i vasi sanguigni – ci spiega il dottor Mureddunon da ultimo nel cervello. Aumentano, dunque, il rischio di infarto e ictus. Non solo: in base ad alcune ricerche, le malattie vascolari e i disturbi circolatori sono la seconda causa più frequente dopo il morbo di Alzheimer“.

Segui Imperiapost anche su: