Imperia: Consiglio Provinciale, si a fusione tra RT e RTL. Università verso la privatizzazione

Imperia Politica Politica

Tutto ciò è emerso questa mattina nella riunione del Consiglio provinciale, durante la quale è stato approvato all’unanimità il Piano di razionalizzazione delle Società partecipate

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

La Provincia mantiene la sua partecipazione nella Riviera Trasporti spa in virtu’ dell’estensione del contratto di servizio del trasporto pubblico in capo alla società sino al marzo del 2022.

Mentre per la Spu (Società per la promozione dell’università) si prospetta la trasformazione in Fondazione per garantire la sopravvivenza del Polo universitario a Imperia, operazione di cui è stato incaricato il nuovo amministratore unico Gianni Giuliano, ex Presidente della Provincia.

Tutto ciò è emerso questa mattina nella riunione del Consiglio provinciale, durante la quale è stato approvato all’unanimità il Piano di razionalizzazione delle Società partecipate.

Ha tenuto banco soprattutto la discussione sulla partecipazione della Riviera Trasporti, in cui c’è stato anche il “sì” all’immediata fusione tra le società Rtl (Rt Linea) e Rt Spa. Il provvedimento ha avuto l’applauso in aula di una rappresentanza delle maestranze della Rt, presente tra il pubblico.

Approvazioni all’unanimità anche per quanto riguarda lo schema di convenzione tra Regione, Provincia e Parco naturale delle Alpi Liguri per la realizzazione del Piano di Gestione della Zona di conservazione speciale “Lecceta di Langan” e per le tariffe del servizio idrico per i Comuni di Apricale e Triora.

Il sì è arrivato da tutti i consiglieri anche per la variazione di bilancio, che presenta pure 375 mila euro dalla Regione per la raccolta differenziata nei Comuni, e 54 mila euro con cui la Provincia cofinanzia progetti per opere pubbliche nelle scuole medie superiori e in altri immobili dell’Ente.

La riunione, presieduta da Domenico Abbo, si è conclusa con due importanti approvazioni riguardanti il servizio Cemento armato, con pratiche illustrate dal consigliere Giorgio Giuffra.

L’Amministrazione Provinciale infatti ha stabilito di dotare l’Ufficio Antisismica di un Portale Digitale per la gestione telematica delle pratiche sismiche, dalla compilazione e invio dell’istanza (front-office) alla gestione dei procedimenti amministrativi (back-office), del settore sismico (autorizzazioni e depositi).

Inoltre da febbraio saranno ridotte ad un terzo le spese istruttorie quando l’istanza è presentata da un Comune della Provincia di Imperia e quando l’istanza è successiva al parere sfavorevole espresso su una istanza presentata precedentemente.

Il consigliere provinciale Giorgio Giuffra, che è anche il sindaco di Riva Ligure, commenta: “Si tratta di provvedimenti che vogliono razionalizzare il servizio, facendo risparmiare tempo e denaro alle Amministrazioni, ai professionisti e ai privati coinvolti”.

La riunione consiliare è stata preceduta dall’Assemblea dei sindaci, durante la quale il sindaco di Imperia on. Claudio Scajola è intervenuto rimarcando la necessità di un ruolo forte dei sindaci, attraverso assemblee e progetti partecipati e condivisi, per uscire da una situazione tutt’altro che confortante, riportata anche negli ultimi giorni dalla classifica per province della Qualità della vita, pubblicata dal quotidiano “Il Sole 24 Ore”. L’invito del primo cittadino del capoluogo è stato raccolto e condiviso dal Presidente Domenico Abbo e da numerosi altri sindaci, che sono intervenuti a sostegno della richiesta di Claudio Scajola.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!