L’imperiese Davide Re vince il prestigioso Premio Cannavò. “Primo obiettivo Olimpiadi Tokyo 2020″/Foto e video

Sport

Il prestigioso riconoscimento è stato conferito a Re nella redazione de La Gazzetta dello Sport.

L’imperiese Davide Re ha vinto il Premio Cannavò (storico direttore della Gazzetta dello Sport, dal 1983 al 2002) per l’atletica. Il prestigioso riconoscimento è stato conferito a Re nella redazione de La Gazzetta dello Sport.

All’imperiese Davide Re il Premio Cannavò

Nella redazione della Rosa, presenti il direttore della Gazzetta Andrea Monti, la signora Franca Cannavò e il figlio Alessandro, il direttore tecnico azzurro Antonio La Torre, il vice presidente vicario federale Vincenzo Parrinello e Mauro Zuliani, primatista italiano dei 400 metri dal 1981 al 2006.

Presente anche Paolo Re, papà di Davide, ex assessore e ex consigliere comunale, grande appassionato di sport.

Il premio è stato conferito a Davide Re, primo italiano sotto il muro dei 45″ (fino a 44”77) e miglior europeo della stagione, dopo campioni del calibro di Stefano Baldini ed Antonietta Di Martino, Sebastian Coe ed Yelena Isinbayeva, Gimbo Tamberi, Filippo Tortu e, da ultime, Elena Vallortigara e Martina Caironi, vincitrici dell’edizione dello scorso anno.

L’11° Premio Cannavò per l’Atletica va al quattrocentista ligure, primo italiano sotto il muro dei 45”00 (fino a 44”77) e miglior europeo della stagione. Il 2019 del 26enne finanziere è da incorniciare. Per tanti motivi. E il riconoscimento ideato dalla Bracco Milano e dal suo presidente Franco Angelotti, non potrebbe finire in mani migliori.

“Sono veramente onorato – ha dichiarato Davide Re il Premio Cannavò è molto ambito ed entrare in un albo d’oro tanto prestigioso mi riempie di orgoglio. So che Cannavò era molto appassionato di atletica: ricevere questo riconoscimento ha una valenza doppia. Adesso dovrò dimostrare di esserne all’altezza.

Il 2019 è una stagione andata benissimo. Il record italiano è un inseguimento che proseguiva da almeno tutta una stagione.

Il 2020, con l’Olimpiade di Tokyo quale primo obiettivo, sarà un anno particolare. La preparazione è già cominciata e le ambizioni sono alte. Devo quanto meno riscattare i Mondiali di Doha, dove per 8/100 sono stato il primo escluso dalla finale.

Sarò a Formia per un raduno di settore e dal 5 gennaio al caldo di Tenerife. Sempre con la mia allenatrice Chiara Milardi e il nostro gruppo di Rieti. Rinunciando alle indoor, penso a un debutto in gara in aprile”.

A Davide Re il Premio Cannavò 2019

#atletica A Davide Re il Premio Cannavò per il 2019: "Onorato, era un grande appassionato di atletica leggera. Il record italiano? Un'apoteosi" 🇮🇹 la cerimonia di consegna nella redazione La Gazzetta dello Sport con il direttore Andrea MontiLEGGI ▶️ http://bit.ly/2M4mSguCONI Italia Team

Pubblicato da Federazione Italiana di Atletica Leggera su Martedì 17 dicembre 2019

 

 

 

 

 

 

Segui Imperiapost anche su: