Processo breakfast: condannato Claudio Scajola, l’attacco di “Imperia al centro”. “sindaco inadeguato a ricoprire una carica pubblica”/ il commento

Attualità Imperia

“Imperia al Centro ha un’alta concezione della politica: riteniamo che chi rappresenta le istituzioni debba  avere un’alta statura morale, non soltanto perché amministra la cosa pubblica ma anche per esercitare una funzione di esempio e addirittura educativa sulla popolazione”. Così il gruppo consiliare “Imperia al Centro” formato dai consiglieri Guido Abbo ed Edoardo Verda a seguito della condanna (pena sospesa) a due anni di carcere per il sindaco di Imperia Claudio Scajola.

“In questa prospettiva – proseguono i consiglieri comunali -riteniamo che molte delle azioni compiute dal nostro Sindaco, sia per quanto riguarda la vicenda Matacena che, ad esempio, per la vicenda della casa al Colosseo, siano da disapprovare sotto il profilo etico, a prescindere o meno dalla loro rilevanza penale”.

Un privato cittadino che subisce delle accuse è innocente fino a condanna definitiva;  ma il fatto che un uomo delle istituzioni possa aver sfruttato il suo ruolo per aiutare un condannato in concorso esterno ci basta per ritenerlo inadeguato a ricoprire una carica pubblica.
Per Imperia al Centro il problema non è se Scajola debba dimettersi ora, dopo la condanna in primo grado: non avrebbe dovuto neppure candidarsi, per ragioni di opportunità e di etica”.