Sanremo 2020: Michele Zarrillo. “Questo Festival è più trasgressivo. Volutamente 2.0”

Sanremo 2020

“Non riesco a rimanere simpatico alle persone che vivono di pregiudizi. Sono allergico a finti saluti, finti complimenti”.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

Questo Sanremo è più trasgressivo, volutamente 2.0“. Lo ha affermato Michele Zarrillo in conferenza stampa, all’indomani della quarta serata del Festival di Sanremo 2020.

Sanremo 2020: parla Michele Zarrillo

Il brano “Nell’estati o nel fango”

“Il mio brano, ‘Nell’estasi o nel fango’, è partito bene in radio e queste mi rende felice. È un brano con una grande vocalità, un grande arrangiamento, un testo riflessivo”.

Il Festival di Sanremo 2020

“Questo Sanremo è leggermente più trasgressivo, volutamente più 2.0. Si vive un’atmosfera un pò diversa. Ci sono tante polemiche, tanta ribellione. Ci sono rapper e trapper”.

Tanti successi, ma sempre lontano dalle prime posizioni

“Non riesco a rimanere simpatico alle persone che vivono di pregiudizi. Sono allergico a finti saluti, finti complimenti. Qualcuno può pensare che io sia arrogante, ma è il mio modo di essere”. 

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!