Coronavirus: è psicosi a Imperia, assalto al supermercato. “Acqua, pasta, cibo in scatola. Preoccupati, meglio essere pronti” / Il reportage

Attualità Coronavirus Cronaca Imperia

Ha generato l’allarme tra gli imperiesi l’emanazione dell’ordinanza da parte della Regione Liguria che prevede la sospensione delle lezioni in tutte le scuole di ogni ordine e grado.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

Auto che non trovano parcheggio, scaffali svuotati, tutte le casse aperte come in orario di punta e clienti in coda con i carrelli stracolmi. Così si presentava questa sera il supermercato Carrefour, poco dopo l‘annuncio del presidente Giovanni Toti riguardante la chiusura delle scuole e dei principali luoghi pubblici in tutta la Liguria, per prevenire la diffusione del coronavirus.

Coronavirus: assalto al supermercato a Imperia

Ha generato l’allarme tra gli imperiesi l’emanazione dell’ordinanza da parte della Regione Liguria che prevede, tra le altre cose, la sospensione delle lezioni in tutte le scuole di ogni ordine e grado e la chiusura al pubblico dei luoghi pubblici, come biblioteche o musei.

Al momento, in Italia, è salito a 152 il numero dei contagiati dal coronavirus, 3 i morti. Le zone “focolaio”, in Lombardia, Piemonte e Veneto, sono “blindate” e gli imperiesi, temendo che la stessa situazione si possa verificare anche in Liguria, hanno deciso di correre ai ripari facendo scorta di generi di prima necessità.

Acqua, pasta, carne, cibo in scatola. Questi prodotti, insieme a tanti altri, hanno riempito i carrelli di numerosissimi imperiesi, corsi a fare la spesa anche in tarda serata. Già nel pomeriggio erano terminati in quasi tutti i supermercati i prodotti igienizzanti.

C’è anche chi è rimasto sbaldordito nel trovare il supermercato affollato, ritenendo ingiustificato il panico che si sta generando tra le persone.

Coronavirus: ecco le parole dei clienti all’uscita dal supermercato

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!