Imperia: dirigente urbanistica Ilvo Calzia fa causa al Comune per 300 mila euro

Giudiziaria Imperia

Il Sindaco di Pontedassio e attuale dirigente all’urbanistica del Comune di Imperia Ilvo Calzia ha fatto causa al Comune di Imperia per 300 mila euro.

Imperia: dirigente urbanistica fa causa al Comune

Il dirigente, difeso dall’avvocato Roberto Trevia, ha fatto causa al Comune per chiedere il risarcimento dello stipendio per tutto l’arco temporale in cui fu sospeso dal servizio a seguito dell’inchiesta relativa al porto turistico di Imperia. Calzia, infatti, fu prima prosciolto dall’accusa di truffa aggravata ai danni dello Stato e successivamente assolto con formula piena al processo, svoltosi a Torino, dall’accusa di abuso d’ufficio.

Nella richiesta di risarcimento, oltre alla sospensione (provvedimento dell’amministrazione Strescino) anche il demansionamento di Calzia, al reintegro in Comune (amministrazione Capacci). Il dirigente non fu reintegrato all’Urbanistica, ma prima al Patrimonio e Trasporto Pubblico e poi all’Ambiente. Il reintegro definitivo all’Urbanistica è avvenuto nel 2018 con l’amministrazione Scajola. 

La causa è stata discussa questa mattina davanti al giudice del lavoro Francesca Siccardi.

Abbiamo chiesto la restituzione integrale dello stipendio – dichiara l’avvocato Roberto Trevia a ImperiaPost – oltre ai danni morali e di immagine. Oltre ai danni per i problemi di salute sorti dopo i provvedimenti. In totale circa 300 mila euro. 

Il mio cliente è stato sospeso discrezionalmente per tre anni, dal Comune, in attesa di giudizi risolti poi con la piena assoluzione. Abbiamo presentato tutta la documentazione, chiedendo di poter riottenere quanto trattenuto ingiustamente negli anni di sospensione e demansionamento”.

L’udienza è stata rinviata al prossimo 11 maggio. Il Comune, rappresentato dall’avvocato Davide Carpano, ha chiamato in causa l’assicurazione.