Pieve di Teco: il sindaco Alessandri rende omaggio al cippo del partigiano Roberto Di Ferro. “Sopravvivere oggi per continuare a vivere domani da uomini liberi”

Attualità Entroterra

Con un post sulla pagina Facebook del Comune di Pieve di Teco, il sindaco Alessandro Alessandri racconta della sua visita questa mattina al cippo in ricordo del partigiano Roberto Di Ferro.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

Con un post sulla pagina Facebook del Comune di Pieve di Teco, il sindaco Alessandro Alessandri racconta della sua visita questa mattina al cippo in ricordo del partigiano Roberto Di Ferro, nome di battaglia “Baletta”, nell’anniversario della sua fucilazione.

“Stamattina, come ogni anno in questo giorno, – scrive il primo cittadino di Pieve di Teco Alessandro Alessandri – ho indossato la fascia tricolore e, con un mazzo di fiori di campo appena colti, sono andato al cippo che ricorda Roberto Di Ferro, nome di battaglia “Baletta”, nell’anniversario della sua fucilazione.
Ero solo, avvolto da un incredibile silenzio.
Non c’erano le bandiere.
Non c’erano i familiari, gli amici.
Non c’erano le istituzioni che solitamente presenziano.
C’era solo un Sindaco che in tempi difficili ha voluto caparbiamente non dimenticare e portare testimonianza, a nome suo e della comunità che rappresenta, a chi ha immolato la sua vita per la nostra libertà.
Per il nostro benessere.
A 14 anni non si è consapevoli, si è istintivi.
Si fanno le cose perché si sentono. Questo pensiero mi riporta, di colpo, all’oggi.
Mi fa pensare a chi, come il personale sanitario, le forze dell’ordine, i commessi dei supermercati, i camionisti, i contadini, oggi fa il suo lavoro con professionalità, impegnando ogni propria forza, a rischio della vita stessa, consentendoci di sopravvivere. Sopravvivere oggi per continuare a vivere domani da uomini liberi!
Evviva l’Italia!
Evviva noi italiani!”

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!