Imperia: un fotografo ritrattista al Parasio, l’idea di Settimio Benedusi. “Vorrei aprire una bottega, chi ha delle proposte?”

Attualità Imperia

L’idea è del fotografo imperiese, noto a livello internazionale, Settimio Benedusi che, tramite i social, ha lanciato un appello per trovare un locale in affitto dove aprire il proprio laboratorio.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

Un fotografo ritrattista, con bottega, al Parasio. L’idea è del fotografo imperiese, noto a livello internazionale, Settimio Benedusi che, nei giorni scorsi, tramite i social, ha lanciato un appello per trovare un locale in affitto dove aprire il proprio laboratorio.

Imperia: un bottega di fotografia al Parasio, intervista a Settimio Benedusi

Com’è nata questa idea?

“Diciamo che ha contribuito la reclusione forzata, per l’emergenza Covid, che ho fatto per caso a Imperia. Ero a trovare mia madre nei giorni del lockdown. Sono rimasto a Imperia e alla fine sono stato bene. Ho ripensato tanto a Milano e Imperia, Imperia e Milano. Tutto questo mi ha fatto tanto riflettere. Ho pensato che non mi dispiacerebbe stare di più a Imperia, riscoprire le mie radici”.

Qual è il progetto?

“Da diversi anni faccio ritratti fotografici in giro per l’Italia. Il mio intento è quello di riportare in auge la tradizionale del ritratto fotografico. Una volta era molto diffusa ,oggi è sparita. Non esiste più il fotografo tradizionale, una pratica più artigianale che artistica.

Ho iniziato questo esperimento a Modena, all’interno del mercato comunale. Mi piace l’idea di una piccola bottega di fotografia”.

Cosa faresti all’interno della bottega?

“Una cosa sola. Ritratti fotografici stampati. Faccio una foto al cliente e gli do la stampa in mano dopo pochi minuti. Nella mia testa c’è un intento romantico. La mia bottega, il mio camice bianco. L’ho già fatto in passato in tanti posti d’Italia, ma l’idea farlo nella mia città di origine è qualcosa di unico. Non è un’operazione commerciale. Ci sarà un set all’interno, dove io farò i ritratti alla persone. Un ritrattista nel vero senso della parola, insomma”.

Perché il Parasio?

“La mia idea è quella di regalare a chi verrà un’esperienza mistica. Immagino le persone venire nella mia bottega con uno spirito diverso, per scoprire, costruire, la propria identità. Ognuno, a casa propria, ha una vecchia foto dei nonni. Guardandola si scopre una parte di noi. C’è una frase di Nelson Mandela, ‘Il ricordo è il tessuto dell’identità’. La condivido appieno. Per fare tutto questo avevo bisogno di un posto mistico, e il Parasio lo è.

Credo che per Imperia, questa bottega, con un ritrattista, possa essere davvero una chicca, unica, che non si trova da nessun’altra parte. Spero che possa essere anche un modo per rendere vivo il Parasio. Ma nel modo giusto. Mistico, culturale. Come merita, per il luogo che è”.

Veniamo alle questioni più pratiche, stai cercando un locale dove aprire la bottega?

“Questo è davvero un progetto che mi affascina. Lo voglio fare e spero tanto che possa andare avanti. L’idea è di aprire la bottega in estate, giugno, luglio, agosto. Cerco un locale in affitto. Se qualcuno ha delle proposte, lo invito a contattarmi alla mail info@benedusi.it”.

 

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!