Liguria, infrastrutture: parla Toti. “Centrodestra unito per far uscire la regione dall’isolamento”

Politica

La conferenza stampa “Ripartiamo insieme” della coalizione regionale di centrodestra sulle infrastrutture.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

Si è svolta ieri la conferenza stampa “Ripartiamo insieme” della coalizione regionale di centrodestra sulle infrastrutture.

All’incontro con Toti sono intervenuti tutti i coordinatori regionali dei partiti della coalizione di centrodestra: Edoardo Rixi (Lega), Chicco Iacobucci (Fratelli d’Italia), Carlo Bagnasco (Forza Italia), Andrea Costa (Liguria Popolare), Manuela Gagliardi (Cambiamo con TOTI Presidente), oltre al sindaco di Genova Marco Bucci.

Liguria, infrastrutture: Toti. “Centrodestra unito per far uscire la regione dall’isolamento”

“Il centrodestra in Liguria è unito e ha un obiettivo comune: fare uscire la regione dall’isolamento – ha dichiarato il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti nel corso della conferenza stampa “Ripartiamo insieme” della coalizione regionale di centrodestra sulle infrastrutture.

PD, grillini e M5S che neanche riescono ad accordarsi su un candidato Presidente per le elezioni regionali, come faranno a mettersi d’accordo su temi importanti come ad esempio la Gronda? Le infrastrutture saranno il piatto forte della nostra politica nella prossima campagna elettorale e nella prossima legislatura regionale.

Perché il nostro territorio e i liguri non possono più aspettare, hanno già subito troppo e gli ulteriori disagi di queste ultime settimane, con autostrade bloccate, treni soppressi e voli cancellati, sono la goccia che fa traboccare il vaso.

“È grave che in Liguria non parta un’opera fondamentale e già finanziata come la Gronda per il veto di un partito politico che in questa regione non governa neppure un condominio, e a fronte del fatto che tutte le associazioni di impresa, le parti sociali, tutte le forze politiche ad esclusione del M5S ritengano la Gronda un’opera fondamentale. Vuol dire che i territori hanno pochissima voce in capitolo. Ci riempiamo la bocca con tanti proclami, ma poi non riusciamo a decidere cosa è importante per un territorio. Serve più autonomia per gli enti territoriali, gli unici che conoscono davvero le reali esigenze dei loro cittadini”, ha concluso il governatore.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!