Imperia, rifiuti: Borgo Marina, la rabbia di una residente. “Ai proprietari di seconde case i carrellati, a noi i mastelli. Chi viene da fuori si adatti al sistema che tutti usano”

Attualità Imperia

Una nostra lettrice interviene con una lettera per segnalare l’errato conferimento dei rifiuti all’interno di un condominio di Borgo Marina, a Porto Maurizio, da parte degli inquilini proprietari delle seconde case.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

Una nostra lettrice, Roberta Bottino, si rivolge alla redazione di Imperia Post per segnalare l‘errato conferimento dei rifiuti nei carrellati, all’interno di un condominio di Borgo Marina, a Porto Maurizio.

Borgo Marina: errato conferimento dei rifiuti, la segnalazione di una lettrice

“Mi rivolgo ai media perché prendere un appuntamento col sindaco di Imperia è più complicato che comunicare con la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Sono certa che se fossi l’ultima dei newyorkesi e volessi parlare personalmente con Bill de Blasio avrei maggiori possibilità di farlo.

La questione riguarda un errato conferimento dei rifiuti all’interno del condominio in cui vivo, cosa da me debitamente e formalmente segnalata, ma che con ogni probabilità si risolverà in una bolla di sapone.

Quello che ancora una volta desidero portare all’attenzione del Comune in merito alla vicenda, ed ora anche all’attenzione dei cittadini, è un problema che sta a monte.

Certe cose, infatti, almeno nello stabile in cui risiedo, avvengono in quanto per gentile intercessione dell’amministratore rag. Ramoino Emilio, sono stati messi a disposizione di facoltosi proprietari di seconde case, durante il periodo estivo, ossia da giungo a settembre, quando essi si recano a Imperia a fare i bagni, i bidoni carrellati, mentre i residenti per il resto dell’anno utilizzano i mastelli (senza alcun problema).

Questo, purtroppo, ha dato modo e da modo ad alcune persone di potere usufruire dei bidoni – collocati in un’area appartata, riservata al condominio – in maniera scorretta, e a rimetterci è anzitutto l’ambiente e tutti coloro che agiscono nel rispetto dell’ambiente, nonché delle norme imperiesi.

La situazione è a dir poco seccante, poiché agli abitanti di Imperia è stato imposto di adattarsi a certe regole e voglio ricordare che diverse famiglie e commercianti, alcuni de quali magari in difficoltà economica, hanno pagato multe salatissime nel momento in cui, specie all’inizio, si sono verificati determinati episodi.

Per questo ed altri motivi, dunque, c’è bisogno di equità.

Poiché ho seri motivi di ritenere che dalle mie parti nulla cambierà, se verrà consentito ancora l’utilizzo dei carrellati, sono a chiedere pubblicamente al Comune di Imperia di voler ripristinare nel condominio in cui risiedo l’utilizzo dei mastelli per l’intero anno, così come lo stesso Comune aveva già stabilito dall’inizio.

I mastelli, in questo caso, rappresentano certamente un mezzo inibitore di comportamenti errati. Meglio ancora sarebbe se venissero collocate anche telecamere nell’area di posizionamento dei mastelli la sera.

Purtroppo, infatti, la sottoscritta è stata edotta da un funzionario del Comune, circa il metodo di individuazione di errato conferimento dei rifiuti e la cosa mi ha stupita in quanto, per come funzionano le cose oggi, non è così facile stabilire il dolo. E allora che senso ha la differenziata? Occorre cambiare le cose.

Nel mio piccolo, io mi impegno perché ciò avvenga, motivo per cui ho chiesto che cordialmente le mie parole venissero pubblicate.

In conclusione, è giusto – per rispetto nei confronti dei cittadini imperiesi – che chi da fuori viene a Imperia in qualità di proprietario di una seconda casa, per fare le vacanze, si adatti al sistema che tutti qui sono chiamati ad adottare e rispettare per 365 giorni l’anno”.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!