Diano Marina: asilo L’Aquilone accorpa sezioni, genitori sul piede di guerra. “28 bambini per classe, decisione illogica e immotivata”

Attualità Golfo Dianese

La lettera dei genitori degli alunni della scuola dell’Infanzia “L’Aquilone” di Diano Marina.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

“Una scelta illogica e immotivata”. Lo affermano i genitori degli alunni della scuola dell’Infanzia “L’aquilone” di Diano Marina, contestando la decisione di eliminare una delle 3 sezioni esistenti, accorpando, di conseguenza, quelle rimanenti, in vista della ripartenza a settembre.

Diano Marina: asilo L’Aquilone chiude una sezione su tre e accorpa i bambini, genitori sul piede di guerra

“Come potranno essere rispettate le norme di sicurezza anti covid in classi da 28 alunni? Come si farà a mantenere la stessa offerta formativa?”. Sono queste alcune delle perplessità che hanno spinto i genitori degli alunni a inviare una lettera all’Ufficio Scolastico Regionale (e, per conoscenza, al Ministero dell’Istruzione, alla Regione Liguria, alla Provincia di Imperia, all’Ufficio Scolastico provinciale di Imperia, ad Anci Liguria e al Comune di Diano Marina) indicando i motivi della propria contrarietà in merito alla decisione di eliminare una delle sezioni dell’asilo “L’Aquilone”.

Per rendere nota la vicenda anche all’opinione pubblica e sensibilizzare cittadinanza e istituzioni, si sono rivolti anche alla redazione di ImperiaPost.

Ecco la lettera di protesta dei genitori

“Oggetto: Contestazione alla decisione di ridurre il numero di sezioni della scuola dell’infanzia “L’aquilone” situata a Diano Marina.

Siamo i genitori dei bambini frequentanti la scuola dell’infanzia “L’aquilone”, sita in Diano Marina, scuola presente sul territorio da oltre 30 anni.

Appresa la volontà, nonostante un numero di alunni frequentanti, nuovi iscritti e bambini con gravi disabilità che soddisfa le normative vigenti, di chiudere una delle sezioni del plesso stesso, esprimiamo il nostro disappunto e profondo dissenso verso una decisione che, al momento, appare illogica e immotivata.

La situazione venutasi a creare con la pandemia di Covid-19, alla luce delle ultime disposizioni mediche e governative, impone il distanziamento sociale con conseguente potenziamento di organico. Ci chiediamo pertanto come il raggruppamento dello stesso numero di alunni in un quantitativo inferiore di sezioni possa permettere il rispetto dei requisiti di sicurezza pur nel mantenimento della stessa offerta didattica.

La particolare situazione legata al Covid-19 ha costretto le famiglie a condizioni lavorative diverse (es. smart working), se non persino alla perdita del lavoro, con conseguenti difficoltà nella ricerca di un nuovo impiego.

Nello specifico, la nostra realtà territoriale, basata sul turismo, è stata duramente colpita, imponendo alle famiglie di riconsiderare la propria condizione di vita presente e futura.

Il ridimensionamento scolastico in oggetto comporterebbe un ulteriore, evidente, impoverimento del nostro contesto sociale.

In questa scelta istituzionale non viene, inoltre, in alcun modo valutato il percorso didattico-progettuale della scuola, tra i tanti da menzionare:

Comenius R.E.S.P.E.C.T.
Progetto F.A.I.
Progetto CIDI
Progetto TRA 0-6 università di Pavia (prof.sse Bondioli, Savio)
Progetto Eco-schools (bandiera verde alla scuola/bandiera blu alla città)
Concorso nazionale di poesia Alda Merini (conseguito il 3° posto assoluto)

Teniamo inoltre a sottolineare l’elevata professionalità delle insegnanti, che tuttavia, a nostro avviso, non potrebbe trovare piena espressione con un aumento del numero di alunni per sezione.

Invitiamo pertanto gli organi preposti a riconsiderare la decisione di ridurre le sezioni del plesso.
Fiduciosi di una conclusione che, in luogo di essere una mera e fredda decisione burocratica, consideri davvero la nostra realtà territoriale nonché l’importanza sociale e formativa della scuola, porgiamo i nostri distinti saluti.

I genitori degli alunni della scuola dell’infanzia “L’aquilone” di Diano Marina”.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!