Imperia: riqualificazione Parco Urbano, tensione in Consiglio. Abbo: “Avete stravolto il progetto, idea folle”

Consigli comunali Imperia Politica

In consiglio è approdato il tema sulla riqualificazione del parco Urbano.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

“Avete stravolto completamente il progetto“. Lo ha affermato il Consigliere di minoranza Guido Abbo (Imperia la Centro), in riferimento al progetto di mitigazione ambientale del depuratore e di riqualificazione del parco urbano.

L’argomento è approdato oggi in Consiglio Comunale. A rispondere all‘interrogazione, presentata dallo stesso consigliere Abbo, è stata l’assessore Laura Gandolfo.

Imperia: riqualificazione Parco Urbano

Guido Abbo

“Avete stravolto completamente il progetto per il parco Urbano.

Da assessore ai lavori pubblici l’abbiamo infilato nel bando periferie urbane, perché grazie ai lavori per la pista ciclabile rimuoveremo le periferie di borgo San Moro e borgo Fondura. Rimane il parco urbano, che è una periferia in mezzo alla città. Il completamento del parco era vitale per dare continuità al progetto di recupero delle periferie.

Con quelle risorse calibrate si rifaceva completamente il parco con un boschetto di macchia mediterranea e pini marittimi, ispirandoci alla Costa Azzurra”.

Laura Gandolfo

“Bisogna precisare che era finanziata la copertura ai quattro lati del depuratore e una parte della copertura superiore e una piccola parte da piantare al lato del depuratore, non tutto il parco.

Qual è stata la nostra scelta? La prima è quella di fare e la seconda di fare bene con una visione precisa. Un parco con i pini è bellissimo e ci sarà in parte, ma ce l’hanno tutti. Noi vogliamo fare una cosa che non ha nessuno. Una grossa società ha proposto al sindaco di Imperia un progetto ambizioso di partenariato creare un progetto di attrazione.

Visto il momento storico in cui il Green prende un posto di primaria importanza, abbiamo pensato a un parco delle energie alternative, vuol dire un parco che avesse sia il fotovoltaico sul tetto del depuratore, che porterebbe introiti, sia altre energie, ad esempio, dei micro pali eolici che facciano vedere come si crea l’energia eolica, e sentieri che passando producono energia con la pressione della camminata. Qualcosa di diverso da 4 pini piantati lì.

Crediamo nel progetto ambizioso e costoso, di cui si prenderebbe carico il privato così come si prenderebbe carico della manutenzione. Siamo orgogliosi di pensare a qualcosa di diverso. I tempi non saranno di 6 mesi, con questo finanziamento integrato con l’idea di sviluppo andiamo fare una parte importante ad oggi completamente abbandonata, che inizialmente non era prevista nel vecchio progetto, anche sotto le vecchie ciminiere”.

Guido Abbo

“Un labirinto? Non vi ricordate i Toscanini? Perfetto esempio di ricettacolo di degrado. Avete il complesso di Icaro, volete volare in alto.

Volete fare un’attrazione così vengono i cinesi a fare il percorso? Il nostro progetto era calibrato, invece in questo modo si fa una cosa che tra 10 anni è puro degrado.

È delirio di onnipotenza del Sindaco”.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!