Imperia: spiagge libere piene a metà. “Turisti sia italiani che stranieri ma mancano i servizi” / le immagini

Attualità Imperia

La situazione nelle spiagge libere è sostanzialmente uguale tra Porto Maurizio e Oneglia la presenza dei bagnanti si attesta a circa la metà della capienza massima.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

“Ci sono parecchi turisti, sia italiani che stranieri: tedeschi, svizzeri, francesi e russi. Molti di loro sono arrivati in spiaggia sul presto, altri stanno arrivando adesso. La spiaggia è piena a metà”. Così uno steward incaricato dal Comune di Imperia di conteggiare le presenze all’interno della spiaggia di competenza e di accertarsi che tutti i bagnanti abbiano indossato la mascherina in fase di entrata e di uscita dalla stessa.

L’estate è entrata nel vivo e, malgrado il Coronavirus non ancora sconfitto, le spiagge libere imperiesi sono popolate di famiglie e di giovani che, vista la bella giornata, non hanno voluto rinunciare ad un bagno rinfrescante.

La situazione nelle spiagge libere è sostanzialmente uguale tra Porto Maurizio e Oneglia la presenza dei bagnanti si attesta a circa la metà della capienza massima.

Nota dolente la mancanza dei servizi igienici in prossimità delle spiagge ad Oneglia e alla richiesta di una turista che cercava una fontanella per bere il volontario della Croce Bianca in servizio al Prino non ha potuto che allargare le braccia… 

“Indefinita” la spiaggia del parco urbano , infatti, non è ancora del tutto chiaro se viga o meno il divieto di balneazione, se sia o meno attrezzata (c’è una doccia volante) le ultime indicazioni dell’amministrazione parlano di un’acqua pulita e di un iter in corso (molto lungo) per renderla spiaggia. Dunque non essendola formalmente, non c’è alcun controllo da parte di steward o di altri enti preposti. 

 

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!