Coronavirus, Liguria: lavoratori dello spettacolo in crisi. “Serve massima attenzione e impegno, necessario reperire le annunciate risorse”

Coronavirus Provincia

Questa parte di lettera inviata al presidente della Giunta ligure e all’assessore al lavoro al fine di sollecitare un incontro con i lavoratori e lavoratrici del comparto dello spettacolo.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

“Vogliamo nuovamente richiamare l’attenzione sulla grave situazione in cui si trovano circa 4000 lavoratori e lavoratrici atipici dello spettacolo nella nostra regione.

Com’è noto l’epidemia da Covid-19 ha comportato pesanti conseguenze su tutto il comparto. Il 70 per cento dei piccoli teatri non ha potuto riaprire e circa l’80 per cento dei lavoratori e delle lavoratrici impegnati nel settore dello spettacolo (attori, musicisti, scenografi, costumisti, elettricisti) non ha ancora ripreso l’attività – Questa parte di lettera inviata al presidente della Giunta ligure e all‘assessore al lavoro al fine di sollecitare un incontro con i lavoratori e lavoratrici del comparto dello spettacolo.

La lettera è sottoscritta dai capigruppo dei Gruppi consiliari PD, Movimento 5 Stelle, Linea Condivisa, Italia Viva, ilBuonsenso, Cambiamo, Cambiamo con Toti Presidente, Liguria Popolare, Gruppo Misto e Fratelli d’Italia.

Coronavirus, Liguria: lavoratori dello spettacolo in crisi. La lettera dei gruppi consiliari

“I lavoratori e le lavoratrici coinvolti hanno assoluto bisogno di coperture per il sostegno al reddito, visto che lo spettacolo è tradizionalmente escluso dai normali ammortizzatori sociali e i sussidi, laddove ricevuti, ammontano a poche centinaia di euro nell’arco di cinque mesi: cifre con cui è obiettivamente impossibile garantire un livello dignitoso di vita.

Purtroppo la situazione dello spettacolo dal vivo non ha avuto alcun ritorno alla normalità, con una pesantissima penalizzazione del numero degli spettacoli svolti e dei cachet: una situazione che non ha consentito a questi lavoratori e a queste lavoratrici di recuperare o almeno limitare i danni subiti durante il lockdown.

Il Consiglio regionale, nell’ultima seduta della legislatura, il 29 luglio scorso, ha preso atto di questa emergenza e ha approvato all’unanimità un ordine del giorno con cui impegnava il Presidente e la Giunta regionale a individuare, attraverso la riprogrammazione del Fondo Sociale Europeo – come prevista dal decreto legge “Rilancio” e dall’accordo Regione-Governo – risorse per finanziare e misure a carattere sociale ed economico dedicate ai lavoratori e alle lavoratrici del comparto. Un intervento che, invece, è stato messo in campo da altre Regioni: il Veneto, per esempio, ha assegnato un sostegno parziali a questi lavoratori e a queste lavoratrici.

Constatiamo con rammarico che nella seduta della Giunta regionale datata 5 agosto, l’ultima prima della sospensione dei lavori a seguito del rinnovo del Consiglio regionale, non è stata trattata, contrariamente a quanto avvenuto per altre urgenze a cui invece è stata data risposta, la questione dei lavoratori e delle lavoratrici dello spettacolo.

In una lettera del 17 agosto u.s. l’assessore Berrino ha informato le rappresentanze sindacali che, pur avendo attivato gli uffici regionali e l’Autorità di gestione del Fondo Sociale Europeo, non è stato possibile reperire le risorse necessarie e, stante la situazione di “prorogatio” degli organi regionali, le eventuali misure a favore dei lavoratori e delle lavoratrici potranno essere assunte solo dopo la costituzione della nuova Giunta.

Nella situazione di assoluta necessità in cui versano i lavoratori e le lavoratrici dello spettacolo, però, l’attesa di ulteriori due/tre mesi per definire e poi ricevere un minimo sostegno economico e sociale diventa un tempo lunghissimo e insostenibile.

Si chiede pertanto di rispondere affermativamente alla richiesta di un incontro avanzata dalle rappresentanze sindacali dei lavoratori e delle lavoratrici dello spettacolo e di considerare la condizione di queste persone una vera e propria emergenza, a cui continuare a prestare massima attenzione e impegno anche durante questo periodo che precede lo svolgimento delle elezioni. È necessario reperire e assegnare al più presto le annunciate risorse derivanti dalla riprogrammazione del Fondo Sociale Europeo”.

Ecco i firmatari della lettera

Giovanni Lunardon, capogruppo PD Regione Liguria.
Fabio Tosi, capogruppo Movimento 5 Stelle Regione Liguria.
Giovanni Battista Pastorino, capogruppo Linea Condivisa Regione Liguria.
Juri Michelicci, capogruppo Italia Viva Regione Liguria.
Alice Salvatore, capogruppo ilBuonsenso Regione Liguria
Lilli Lauro, capogruppo Cambiamo con Toti Presidente.
Angelo Vaccarezza, capogruppo Cambiamo.
Gabriele Pisani, capogruppo Liguria Popolare
Giovani Boitano, capogruppo Gruppo Misto.
Matteo Rosso, capogruppo Fratelli d’Italia Regione Liguria.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!