Ventimiglia: chiusura campo Roja, parla il Sindaco Scullino. “Bisogna gestire i flussi di migranti, presto summit con Ministero”

Politica Provincia

Parla il Sindaco di Ventimiglia Gaetano Scullino.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione





 

Aiutateci ad informarvi!

“A breve ho un incontro con il capo della commissione ministeriale del Ministero dell’Interno, il Prefetto Michele Di Bari, per discutere dei flussi di migranti che continuano ad arrivare a Ventimiglia“.

Lo ha affermato il Sindaco di Ventimiglia Gaetano Scullino in merito alle criticità legate al transito di immigrati nella città di confine con la Francia, specialmente a seguito dello smantellamento del campo Roja.

Chiusura Campo Roja, parla Sindaco Gaetano Scullino

“La città di Ventimiglia ha la fortuna di essere città di frontiera e quindi l’economia è molto aiutata perché siamo confinati con la Francia e con il principato di Monaco.

Sicuramente più gioia che dolori. I dolori, in quanto città di confine, transito di immigrati e qualche problema c’è.

Abbiamo avuto un incontro con il Prefetto Michele Di Bari che ci ha assicurato un occhio di riguardo per quel che riguarda il discorso dell’immigrazione. Vedo che c’è attenzione da parte delle Forze dell’Ordine, che hanno sempre lavorato bene e che io ringrazio.

Per quanto riguarda il campo di transito, che poi non lo è stato mai (purtroppo ci sono state 300/400 persone (in alcuni casi anche 500) che stavano anche per mesi e mesi e qualcuno anche un anno), in questi giorni lo stanno smontando nel campo ferroviario del Roja.

A breve ho un incontro con il Prefetto Di Bari, che è capo della commissione ministeriale del Ministero dell’Interno, che mi dovrà dire che cosa intenda fare con questi flussi che continuano ad arrivare a Ventimiglia e che povera gente non trova la possibilità di attraversare la frontiera.

Temo che il nostro Governo stia lavorando in modo leggero anche perchè è impensabile che non si possa avere un accordo con i paesi d’Europa e avere le quote. Arrivano 100 migranti e ognuno se ne deve fare carico, non è giusto che rimangano in Italia e dopo pochi giorni arrivano a Ventimiglia, Aosta o al Passo del Brennero”.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione





 

Aiutateci ad informarvi!