Imperia: acquedotto, l’affondo di Strescino (Fdi). “Centrosinistra ha pensato solo a incarichi e consulenze. Le colpe sono evidenti”

Imperia Politica

“I due Presidenti della Provincia, Natta e Abbo, ci potrebbero dire cosa hanno fatto sul tema delle acque in questi oltre dieci anni?”.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione





 

Aiutateci ad informarvi!

“Il centrosinistra in questi anni ha solo pensato a dare incarichi e consulenze in Provincia. Cosa ha fatto per Rivieracqua? Le responsabilità sono evidenti e Fratelli d’Italia non intende tacere davanti a un simile scempio”. E’ un fiume in piena Paolo Strescino, coordinatore della campagna elettorale di Fratelli d’Italia per le Regionali in merito alla rottura dell’acquedotto in via San Lazzaro che ha portato allo stop dell’erogazione dell’acqua da San Lorenzo al Mare a Andora.

Imperia: esplosione acquedotto, l’affondo di Strescino

“I due Presidenti della Provincia, Natta (Partito Socialista, ndr) e Abbo (Partito Democratico, ndr), ci potrebbero dire cosa hanno fatto sul tema delle acque in questi oltre dieci anni? – tuona Strescino – Hanno scelto che doveva essere il presidente di Rivieracqua, ci dovevano essere i consulenti. E basta. Si sono dimenticati nella loro esperienza amministrativa, che valuto con un bel 2, di incoraggiamento, mentre scorrazzavano tra un ufficio e l’altro in giacca e cravatta, di fare quello per cui erano li: un business plan per il futuro del servizio idrico.
Rivieracqua è una scatola vuota, servita solo a dare incarichi e consulenze. Visto che il centrosinistra ha l’ardire di sottolineare che sono più bravi, questa volta, per loro sfortuna, Fratelli d’Italia li riporta alle loro responsabilità.
Non vorrei che la gente facesse di tutta l’erba un fascio. Mi ricordo che l’allora Sindaco Capacci diceva ‘non pensate di gestire Rivieracqua senza soldi e senza un business plan’. Questi se ne sono fregati, si sono dimenticati di fare le cose per il territorio e per la gente.
Questi partiti di centrosinistra stanno mettendo la nostra provincia in ginocchio. Senza acqua la gente va via dagli alberghi a Diano Marina. L’agricoltura senza acqua è morta.
Ripeto, hanno solo pensato a dare incarichi e consulenze. E questo non va bene. Noi ci siamo sempre presi le nostre responsabilità, quando erano nostre, ma in questo caso è chiaro che sono solo di una parte politica e bisogna far si che certi errori non si commettano più. Se dovessimo mettere insieme tutte le consulenze di Rivieracqua probabilmente avremmo i soldi per mettere a posto le nuove tubature. I dirigenti a 120 mila euro all’anno che cosa hanno fatto? Come giustificano quello che sta accadendo a noi che paghiamo le tasse? Tirino fuori le carte e ci facciano vedere cosa hanno fatto. 
Nel Golfo Dianese sono 10 anni che ogni estate arriva l’autobotte. Non se ne sono accorti? Natta cosa andava a farci in provincia? A prendere il caffe? Abbo? Qui ognuno deve prendersi le proprie responsabilità. C’è chi ha messo alla presidenza della Provincia soggetti che alle Comunali di Imperia prenderebbero il voto di due appartamenti. Bene, chi lo ha fatto ha sbagliato. E questi sono i risultati”.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione





 

Aiutateci ad informarvi!