Imperia: camion contromano, tragedia sfiorata in viale Matteotti. “Ho rischiato un frontale mortale, poteva essere una strage”

Cronaca Cronaca Imperia

Un episodio che, purtroppo, riporta alla mente il tragico incidente che costò la vita, nell’ottobre 2008, a Vittoria Falbo.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

“Ringrazio di essere ancora vivo”. Queste le parole di Alessandro Saglietti, 23enne imperiese che, ieri sera, ha rischiato di rimanere coinvolto in un incidente stradale a causa di un camion che ha imboccato e percorso contromano il tratto a senso unico di viale Matteotti.

Imperia: camion contromano in viale Matteotti

Un episodio che, purtroppo, riporta alla mente il tragico incidente che costò la vita, nell’ottobre 2008, a Vittoria Falbo, travolta e uccisa a 16 anni da un’auto in contromano, in Viale Matteotti, mentre era a bordo del suo motorino.

“Era mezzanotte e 20 racconta Alessandro a ImperiaPost – stavo percorrendo viale Matteotti in auto, quando dietro la curva sotto casa mia mi sono trovato un tir davanti contromano, che andava anche a velocità spedita. 

Ho rischiato di rimanere coinvolto in un frontale. Per fortuna sia io che gli automobilisti dietro di me abbiamo avuto la prontezza di spostarci subito nella corsia degli autobus, evitando conseguenze drammatiche. Abbiamo seriamente evitato una strage.

Nonostante i richiami di tutti – continua – il conducente ha proseguito la sua corsa senza degnar di attenzione nessuno, ad una velocità di almeno 45/50 km/h.

Tutto questo nonostante i 5 cartelli installati ad inizio via. Una settimana fa un altro camion ha imboccato la strada contromano, ma ha fatto retromarcia sotto il monumento ai caduti.

Purtroppo ci sono già stati due incidenti mortali in questo tratto di strada.

Cartellonistica insufficiente? I cartelli, se letti, bastano e avanzano – conclude Alessandro – credo che ci siano dei navigatori non aggiornati, o sbagliati, che inducono a prendere viale Matteotti in contromano. Non si spiegherebbe la recidività“.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!