Covid: ipotesi zona rossa nell’imperiese. “Aspettiamo dati ISS per valutare restrizioni. Chi vive a ponente si comporti con rigore”

Attualità Coronavirus Imperia

Le parole di Giovanni Toti.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

Stiamo monitorando ora su ora tutti i dati della provincia di Imperia per capire se adottare ulteriori misure restrittive“. Lo ha affermato il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, a fronte dell’aumento dei contagi che sta interessando il ponente ligure negli ultimi giorni.

Covid: ipotesi zona rossa nell’imperiese, parla Giovanni Toti

L’Asl1 è quella in questo momento più sotto pressione per circolazione del Covid. La ragione sta nella vicinanza con il confine francese. Il dipartimento della Costa Azzurra è una delle aree più colpite in assoluto dal Covid della Francia.

Le terapie intensive sono calate di uno nell’Asl1. In questi giorni, con l’interlocuzione con sindaci del territorio, stiamo valutando alcune misure che possono aiutare ovviamente a restringere la circolazione del virus. È possibile che nelle prossime ore si decida se prendere o meno queste misure. Non l’abbiamo fatto oggi perché stiamo aspettando ovviamente il bollettino di domani dell’ISS che riguarda lo stato di salute della Liguria. Io ritengo che saremo ancora fascia gialla, ma voglio capire qual è l’analisi macroscopica fatta dall’Istituto Superiore di Sanità per poi decidere di qua a domani o dopodomani se e dove saranno necessarie queste eventuali misure restrittive.

Lo dico nella consapevolezza che queste misure sono dolorose e che vanno ad incidere su attività commerciali che sono già allo stremo e affaticate. Sappiamo che sono un fastidio, un danno per la nostra vita. Non le prendiamo a cuor leggero. Stiamo monitorando ora su ora tutti i dati di quella provincia per capire se un’inversione di tendenza anche lieve ci può far evitare ulteriori misure o se invece le dovremo prendere o se sarà l’ISS nel suo bollettino di domani, che diventerà parte delle ordinanze che firma il Ministro Speranza, a prevedere qualcosa per regione Liguria.

Nelle prossime 24/36 ore si potranno prendere delle decisioni.

Dico una cosa soprattutto a chi vive nell’estremo ponente, dato che nel resto della regione la situazione è più stabile, anche se non tranquilla. Se chi vive lì si comporta con grande attenzione e rigore già questo può aiutarci a raggiungere l’obiettivo”.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!