Imperia: “Camion dei rifiuti ci distrugge strada e auto”. Lo sfogo di un 67enne. “Siamo esasperati”. Gagliano: “Pronto piano di modifiche in diversi punti della città” / Le immagini

Attualità Imperia

Contattato da ImperiaPost, l’assessore Antonio Gagliano ha assicurato che, in breve tempo, il problema sarà risolto.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

“Siamo esasperati. Nessuno ci ascolta nonostante mesi di segnalazioni”. Questo lo sfogo di Cesare Moretto, 67enne, residente di via Don Domenico Bellone, una strada privata nei pressi di Borgo D’Oneglia, dove si verifica un disagio per gli abitanti.

Secondo quanto riferito da Cesare, infatti, il passaggio dei pesanti mezzi della De Vizia (e precedente della Teknoservice) per ritirare i mastelli della raccolta rifiuti porta a porta sta causando gravi danni alla strada e ai mezzi che transitano.

Contattato da ImperiaPost, l’assessore Antonio Gagliano ha assicurato che, in breve tempo, il problema sarà risolto.

Imperia: “Camion dei rifiuti ci distrugge strada e auto”. Lo sfogo di un 67enne

“Vorrei segnalare un grave disagio che stiamo subendo da mesi racconta Cesare Moretto a ImperiaPost – ho provato più volte a ottenere risposte dal Comune, ma non c’è stato verso. Io non chiedo soldi o rimborsi, chiedo solo che non si provochino più danni e si trovi una soluzione alternativa, come abbiamo più volte proposto.

Il problema è questo. La De Vizia, e prima la Teknoservice, da quanto c’è il sistema porta a porta, per venire a ritirare i mastelli da noi, sale lungo la strada (privata) con il camion, sfondandola. L’asfalto è martoriato e rovina le auto. Ogni mattina devo alzarmi alle 7 per accompagnare mia moglie a lavorare perché da sola teme di finire di sotto per la fascia, non si sente sicura. Si può vivere così?

Abbiamo chiesto di poter portare i mastelli in fondo alla strada, dove una volta c’erano i bidoni, oppure di fornici dei carrellati con le chiavi. In questo modo le poche famiglie che abitano in cima alla strada porterebbero la spazzatura lì e i camion non dovrebbero più salire.

Abbiamo anche fatto presente che basterebbe un piccolo Porter per la nostra strada, invece viene un pesante camion. Inoltre, ho scoperto che il camion prima di passare da noi, raccoglie tutta la spazzatura del paese. Quindi arriva ulteriormente appesantito.

Tra l’altro, questa strada l’abbiamo fatta noi con i nostri soldi alcuni anni fa, ora è distrutta e dovremo pagare noi per rifarla. Oltre a questo, la Tari è aumentata da 130 a 500 euro, e abbiamo le auto rovinate. La spazzatura, quindi, la paghiamo a peso d’oro. Nonostante tutto, non chiediamo risarcimenti, chiediamo solo buon senso affinché non si ripeta più questo problema e permetterci di riparare la strada senza che si rovini nuovamente.

Non mi sembra di chiedere la luna, eppure non ho ottenuto nessuna risposta da chi di dovere”.

La replica dell’assessore Antonio Gagliano

“Stiamo predisponendo un piano per modificare l’organizzazione della raccolta porta a porta dove abbiamo riscontrato dei disagi – spiega Gagliano contattato da ImperiaPost – in alcuni punti, come in quello segnalato dal residente di via Don Domenico Bellone, il passaggio dei camion non è la soluzione migliore, per questo prevederemo dei carrellati con le chiavi da posizionare in punti più comodi, sia per i residenti sia per i lavoratori. Nel giro di 10 giorni dovremmo aver terminato tutto”.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!