Covid: a Sanremo lo sfogo di Fiorello. “Da padre sto male. È doloroso vedere mia figlia adolescente chiusa in casa, perde l’età più bella della vita”

Coronavirus

Le parole di Fiorello, a margine della conferenza stampa post prima serata di Sanremo.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

Io ho una figlia adolescente. Mi fa dolore per le conseguenze della pandemia sui giovani, perché quella è l’età più bella della nostra vita e si stanno perdendo tante cose. Io mi commuovo se ci penso“. Queste le parole con la voce rotta dall’emozione di Fiorello, a margine della conferenza stampa post prima serata di Sanremo, rispondendo alla domanda di un cronista presente in sala.

Fiorello

Come vivo la pandemia da padre? Male, mi viene un groppo ingoia se ci penso. Io ho una figlia adolescente. Mi fa dolore perché quella è l’età più bella della nostra vita e si stanno perdendo tante cose. Io mi commuovo se ci penso. Per me il momento più bello della vita erano i 15 minuti della ricreazione, andare al cinema il pomeriggio con gli amichetti, aspettare la più bella della 3C che usciva, giocare fuori.

Sapere che a mia figlia, appena diventata adolescenza, le è stato negato tutto questo, non da qualcuno in particolare, ma è successo, mi fa dolore. Molte volte non me ne faccio una ragione. Quando la guardo vedo tutti quei ragazzi di quell’età costretti davanti a uno schermo. Si stanno abituando, questo mi fa ancora più dolore. Mia figlia non è più abituata a uscire di casa. Non sono più abituati a vivere la vita. Sto soffrendo con loro. Non posso vedere una ragazza di 14 anni chiusa in casa dalla mattina alla sera”.

Amadeus

Io ho un figlio di 12 anni che vive la stessa situazione. È un dispiacere enorme. Ha una figlia più grande che vive all’estero, che vedo una volta all’anno. Per i ragazzi questa pandemia è devastante”.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!